Ominide 80 punti

Kierkegaard (1813-1855)


L’importanza del singolo individuo:
La filosofia hegeliana ha un carattere impersonale, per cui non è il singolo individuo che filosofa bensì lo spirito attraverso di lui. Secondo Kierkegaard invece il filosofare ha un carattere esistenziale, strettamente legato alla vita dell’uomo.

Kierkegaard sottolinea come la filosofia hegeliana non esca mai dall’ambito logico. Per Kierkegaard non si può giungere alla realtà grazie a un meccanismo logico, ma per mezzo della libertà.
Per Kierkegaard la realtà ha sempre un carattere libero e non necessario, effettivo e non logico, come sosteneva Hegel. La realtà è sempre effettiva e non universale: ciò che è veramente reale è questo singolo uomo e non il concetto universale di uomo. Kierkegaard accusa quindi Hegel di occuparsi soltanto di essenze e non di esistenze; se le essenze attengono alla logica, le esistenze attengono alla realtà.

La categoria su cui Kierkegaard costruisce la sua filosofia è la possibilità; in polemica con la filosofia della necessità di Hegel.

Per Hegel: la concezione della liberà rientrava nella autocoscienza, nella consapevolezza di non essere determinati da nulla di esterno.
Per Kierkegaard: la nozione di libertà di fonda sulla possibilità di scelta, di rischio; proprio per questo può portare al fallimento e alla disperazione, in una parola, all’ angoscia. L’angoscia è la condizione propria dell’uomo di fronte al potere (possibilità) infinito e difficilmente gestibile che gli offre la sua libertà.
Proprio perché tutto è possibile ( anche in senso fatalistico), l’uomo, per non tradurre in responsabilità la libertà, aspira ad una superiore necessità a cui affidarsi. Da qui nasce la fede in Dio, che grazie al suo amore riesce a gestire l’angoscia.

I tre stadi della vita:
Egli rivendica la singolarità dell'esistenza individuale (differentemente da Hegel) e il primato della fede. La sua filosofia è essenzialmente una ricerca vitale, che investe direttamente l'esistenza umana. In due delle sue principali opere, Aut-Aut e Timore e Tremore, il filosofo mostra come, di fronte all'uomo, si aprano possibilità di scelta esistenziale che corrispondono a tre precisi stadi di vita: estetico, etico e religioso. Non si tratta assolutamente di tappe collegate tra loro da un rapporto di necessità, al contrario, fra esse c'è un salto, per cui ogni stadio risulta alternativo all'altro. Fra queste modalità di vita s'impone, dunque, una scelta.

• Stadio estetico: l'esteta è colui che vive attimo per attimo, alla ricerca incessante del piacere e delle sensazioni più nuove, sfuggenti e irripetibili. Il poeta romantico e il seduttore incarnano questo ideale estetico, in cui si manifesta la consapevole mancanza di senso e responsabilità. La figura dell'esteta è il Don Giovanni di Mozart, il quale vive perennemente alla ricerca dell'attimo in cui la perfezione della bellezza si realizza, per svanire, subito dopo, nella noia delle ripetizioni, Questa mina l'esistenza del seduttore e lo rende consapevole del fatto che la sua vita dipenda da altro, il che lo conduce a intravedere altre possibilità di vita, in confronto alle quali quella estetica appare come insignificante e disperata. La dimensione estetica, con la sua radicale assenza di impegno e responsabilità, sfocia nella disperazione e tutto ciò porta la presa di coscienza dell'insensatezza e della vanità di quell'esistenza

 
• Stadio etico: implica l'accettazione di quelle responsabilità del tutto estranee alla leggerezza dell'esteta. Per chi compie la scelta etica, i doveri e gli incarichi sociali diventano il fulcro della quotidianità. Kierkegaard identifica il tipo etico in un personaggio che conduce una vita ordinata e senza scosse, da buon marito e cittadino; nell'adempimento del dovere, egli prende coscienza di sè formandosi una personalità e guadagnando quelle libertà che nello stadio estetico erano solo un'illusione. Tuttavia, l'essere dedito al proprio dovere e il non infrangere alcuna legalità, implica, alla lunga, un atteggiamento conformistico che svuota la soggettività dell'uomo: schiacciato progressivamente dal ruolo sociale che egli incarna, viene ad insinuarsi, in lui, un'inclinazione al male e al peccato cui egli tenta di sottrarsi.
 
• Stadio religioso: l'unica possibilità che ci può salvare dalla disperazione è la scelta religiosa. Essa viene esaminata in "Timore e Tremore" mediante la figura di Abramo, chiamato da Dio, per il sacrificio del suo stesso figlio. Il patriarca si piega al volere del Signore senza trovarvi nè senso nè giustizia: la fede non è morale e la morale non è fede, ma si tratta di due dimensioni tra loro incommensurabili. L'uomo è pertanto libero di credere o non credere e a lui spetta la scelta angosciosa fra queste due alternative. 
 
Secondo Kierkegaard, la vita pone l'uomo sempre di fronte ad una scelta di molteplici possibilità, nessuna delle quali è garantita, così che ogni scelta comporti la possibilità del fallimento. L'angoscia è, dunque, un sentimento della possibilità, tuttavia ha, anche, un aspetto positivo quando viene a incontrarsi con la fede. È l'angoscia stessa del peccato che ha permesso ad Adamo di scoprire la propria effettiva esistenza di individuo e che lo ha condotto ad avere piena coscienza dinanzi a Dio, ossia all'infinito.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email