Ominide 592 punti

Kierkegaard - Esistenza come possibilità


Anti-idealismo

Si pone contro l’ idealismo per alcuni concetti:
- Universalità dello spirito contrapposta con la singolarità dell’uomo;
- Esistenza concreta contrapposta alla ragione astratta.
Tali concetti avranno ampio seguito a partire dal Novecento in poi.

Possibilità

Esistenza = modo di essere proprio di ogni uomo nel mondo. Dipende dalla possibilità, dalla scelta e dalla disperazione. Esistenza è l’insieme delle possibilità.
Possibilità= L’insieme di possibilità che costituiscono l’esistenza, pongono l’uomo di fronte ad una scelta. Già Kant aveva introdotto il concetto di possibilità con una valenza positiva che però si perde in Kierkegaard: se infatti non si arriva ad una scelta ci si fossilizza nel ‘punto zero’, l’indecisione permanente. Bisogna inoltre assumere un atteggiamento contemplativo per capire quali siano le possibilità principali. La fede costituisce il punto chiave per affrontare l’angoscia dell’esistenza.

Anti-hegelismo

Di Hegel Kierkegaard rifiuta:
- La mentalità pagana che lo porta a ritenere lo Spirito più importante dell’uomo;
- La riflessione sulla filosofia come scienza non soggettiva, che quindi esclude l’uomo;
- La divisione tra pensiero filosofico e vita;
- Abolizione dell’individuo.
Il singolo è infatti l’esistenza stessa, non può essere ricondotto al genere animale, perché negli animali il genere è superiore al singolo, mentre negli umani è il singolo ad essere superiore. Partendo dal singolo e dalla sua esistenza concreta, l’astrazione non può essere totale.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email