Ominide 2537 punti

Hegel e il suo pensiero riguardo l'illuminismo,il Romanticismo, la Rivoluzione copernicana e Fichte

-Hegel e l’Illumismo:
Denuncia l’astrattezza e l’unilateralità della cultura illuminista perché quest’ultima si era soffermata molto sul sapere scientifico; questo perché l’intelletto è una facoltà analitica che procede per intuizioni. Altro rapporto particolare è quello avuto con la rivoluzione francese: riconosce a questa il merito di aver fatto superiore una concezione dogmatica e illiberale della società. Successivamente la rivoluzione è sfociata nel terrore giacobino: è emerso solo quel carattere astratto e unilaterale dell’illuminismo, la volontà di una libertà assoluta senza controparti, senza resistenza; questa reazione ha però avviato un processo di passaggio al predominio del popolo tedesco.

-Hegel e il Romanticismo:
La cultura romantica non permette la conciliazione del finito con l'infinito.
-Hegel e la Rivoluzione Copernicana:
Riconosce la rivoluzione copernicana ma la ritiene incompleta perchè la ragione deve aspirare all'infinito e alla conciliazione di quest'ultimo con il finito.Definisce "formale" la morale Kantiana. Per Hegel, la morale troverà una concretizzazione nei valori che si sono attuati storicamente.
-Hegel e Fichte:
Lo accusa di eccessivo soggettivismo, questo fa si che ci sia una contrapposizione continua che non permette la conciliazione tra finito e l'infinito.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità