Ominide 1407 punti

Missione moraleggiante dello Stato


Fichte lega l’etica alla politica, poiché secondo il filosofo il valore morale-etico deve diventare il cuore dell’azione politica. Nella dottrina fichtiana l’unica nazione in grado di compiere questa azione è la Germania, poiché essa possiede quel germe che rappresenta la purezza delle origini e deve trasferire questo germe di civilizzazione, di moralità, di educazione anche agli altri uomini. Secondo Fichte ad avere l’opportunità di compiere questa civilizzazione del mondo sono soprattutto i giovani.
È quindi vero che Fichte esalta la superiorità della Germania come nazione, ma questo era un primato di tipo spirituale-culturale e non un primato di tipo politico-militare; dunque Fichte non ha una visione propriamente razzista, anche se nel corso della Storia il suo pensiero tenderà ad essere interpretato secondo una chiave razzista.
Nei celebri “Discorsi alla nazione tedesca” Fichte esalta la nazione della Germania, poiché secondo il filosofo i tedeschi sono gli unici a costituire un’unità organica che si identifica con la realtà della nazione, in quanto essi sono l’unico popolo rimasto integro e puro per via di un “carattere fondamentale” che egli individua nella lingua; i tedeschi, infatti, per il filosofo erano gli unici ad aver mantenuto la loro lingua originaria.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email