Ominide 732 punti

L’epicureismo

È una filosofia materialista che ha fatto proprio l’atomismo democriteo. La natura è attraversata da un meccanicismo in modo casuale. Epicuro parla di un clinamen, ovvero la caduta degli atomi in posizione obliqua che incontrandosi formano i composti. Epicuro vede tutto formato da atomi, non c’è un ordine esterno all’uomo a cui adattarsi. Ne discende un’etica basata sul benessere esistenziale.
Lo scetticismo
È una tipologia di filosofia che parte come quella socratico/platonica dalla ricerca della verità e giunge alla conclusione che la verità è preclusa alla conoscibilità degli esseri umani perché noi conosciamo le cose non come esse sono in sé stesse ma come ci appaiono. Non potremo mai attingere alla vera essenza di una cosa. Dal punto di vista gnoseologico gli scettici sono dei fenomenisti, per questa ragione non è possibile affermare nulla di certo. Lo scetticismo è una affiliazione che proviene dal platonismo che teorizzava che del mondo sensibile non si potesse avere scienza. La vera saggezza risiede nella sospensione del giudizio. La condizione per raggiungere la felicità è la consapevolezza di non aver la possibilità di raggiungere la realtà delle cose. Teoria del concetto (in Aristotele il concetto era sostanza): siccome tutto è materia, il concetto non essendo corpo non è sostanza. I concetti sono costruzioni mentali utili per organizzare la propria vita. Sono delle scatole, delle leges mentis con cui ordino le mie esperienze. Sono dei significanti che alludono alle cose esistenti e consentono di anticipare le esperienze che vengono accelerate e rese intellegibili da questo lavoro.
Lo stoicismo
È una filosofia materialistica, che a differenza di quello epicureo è un materialismo non causalistico né meccanicistico nel senso che la materia è animata da un logos immanente ad essa. Secondo gli stoici la natura è il prodotto di un sostrato passivo, la materia (vivente, sottoposta a movimento) che viene informato da un logos. Nel logos ci sono le ragioni seminali di tutto, gli archetipi di tutto (come le idee platoniche ma non trascendenti, immanenti in questo logos). Dall’incontro tra l’elemento attivo (logos) e passivo (materia) ha origine la natura.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email