Niccolò Cusano

Studiò il neoplatonismo. Fu un grande matematico, fisico, astronomo, politico – religioso.
Nacque in Germania ma la sua formazione culturale è italiana. Afferma che la logica Aristotelica ci fa capire solo la realtà terrena, che non è sufficiente.
L'opera più importante di Niccolò Cusano è De docta ignorantia.
La realtà, che l'uomo comune considera vera e unica, non è né unica né giusta. Dio è la vera realtà e l'unica. Dio contiene in sé tutto, il mondo derivante da Dio perde molte qualità di essi. Aristotele sbaglia dicendo che la vera realtà è quella terrena. Esiste una logica diversa che noi useremo non in questa vita ma in un'altra per conoscere Dio. Per quanto estesa sia la nostra conoscenza del mondo, rimaniamo sempre ignoranti perché la vera realtà è Dio. Cusano dice di essere coscienti di essere ignoranti, solo così potremmo raggiungere la vera realtà. Tutto questo lo aveva già detto Plotino.

La sua teoria di una logica diversa la possiamo spiegare con un esempio.
Immaginiamo un cerchio e un poligono. Le possiamo immaginare sul piano del finito, perché oltre non possiamo andare, e su questo distinguiamo un cerchio e un poligono. Se noi potessimo infinitesizzare il poligono, questo coinciderebbe con il cerchio. Questi esempi in campo geometrico ci fanno capire che esiste un'altra logica, oltre a quella di Aristotele, ma noi non la possiamo applicare, capire fino in fondo. La vera logica c'è ma non ci è concessa, la conosceremo solo in un'altra vita. Se l'universo è infinito ogni punto può essere considerato centro o circonferenza. L'uomo viene considerato la creatura più alta perché ha la capacità di rendersi conto della propria ignoranza ed ha la possibilità di conoscere tutto, che però non conoscerà in questa vita.


Marsilio Ficino: l'anima “copula mundi”


L'uomo è considerato un Microcosmo, viene anche definito copula del mondo perché può concepire la vera realtà.
Quando Dio ha inviato suo figlio sulla terra, esso ha preso la forma umana e questo vuol dire che l'uomo è la creatura più alta. La terra è una contrazione della vera realtà - Dio. Infatti il mondo è pieno di esseri distinti e opposti. L'infinitezza del mondo è un infinito di finiti. (infatti il mondo è imperfetto per questo). Perché comprende un numero di esseri infiniti ma che in essenza sono finiti. Dio è l'unica cosa perfetta / l'unico essere perfetto.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email