Il positivismo nasce con Comte, ed è quella corrente filosofica per cui il mondo esiste realmente per come ci sta davanti. Il mondo è conoscibile con la scienza e con questa lo si può cambiare. Principalmente, smentisce l’idealismo di Hegel, perché nega la realtà per una realtà superiore, e tutto ciò che Kant elabora viene ignorato.
Per Comte, la scienza è l’unica soluzione ai problemi dell’uomo e l’unica via su cui può contare, e deve essere una dottrina organica. Inoltre, individua nel cuore i sentimenti, utili nel progresso, che hanno come sede le donne. Nell’analisi del mondo, Comte elabora tre stadi, che sono quelli attraversati dall’umanità, cioè il teologico, il metafisico e lo scientifico.
Lo stadio teologico è quello per cui tutto procede in funzione della divinità, e in cui si cercano le cause prime, e ciò si manifesta con la monarchia teocratica, cioè col re eletto per funzione divina dai sacerdoti = Teocrazia.
Lo stadio metafisico afferma la non esistenza di Dio, e i filosofi occupano la mansione dei sacerdoti, e principalmente è come lo stadio teologico, ma con la scelta delle forze astratte che sostituiscono il dio. La democrazia ha il sopravvento, e deve aggiustare la società e i problemi dell’uomo.

Nello stadio scientifico la democrazia viene abolita in favore della sociocrazia, che porta una base scientifica. Quindi, gli scienziati prendono il ruolo dei sacerdoti, e gli industriali prendono il potere temporale, e solo così si possono risolvere i problemi non cercando il perché, ma il come, per ricavarne le leggi e prevedere. La soluzione è quello che ti dicono essere giusto, non quello che reputi giusto.
La scienza per eccellenza del positivismo è la matematica, che è pura e generale, e costituisce le basi di tutte le altre materie.
Nascono con Comte la fisiologia, lo studio dei meccanismi del cervello, e la sociologia, che fa parte delle scienze umane, ed è la scienza più importante dal punto di vista risolutivo. Il sociologo studia la società in maniera scientifica per risolverne i problemi, e la studia in una fase statica e in una dinamica, cioè lo stato attuale e quello previsto.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email