Lorep di Lorep
Ominide 1403 punti

Henri Bergson


Nega le qualità della scienza affermando che l’individuo non è conoscibile scientificamente, e che per egli non possono essere utilizzate le stesse regole che consentono l’interpretazione dei fenomeni.

Nei “Saggi sui dati immediati della coscienza” si incontrano i temi principali della filosofia bergsoniana; lo scopo dell’opera è quello di affrontare il tema della libertà attraverso la critica alla pretesa di quantificare l’intesa delle sensazioni e la riflessione sul tempo.

Bergson esegue una netta separazione fra tempo della scienza e tempo della vita.

TEMPO DELLA SCIENZA = misura

- È fatto di istanti tutti uguali e allo stesso tempo diversi (ogni minuto ha la stessa durata del minuto precedente e di quello successivo, ma è da essi distinto e separato).

- È una grandezza misurabile e omogenea.

- È il tempo reversibile, che consente la ripetizione.

- È il tempo spazializzato ed esteriore.

TEMPO DELLA VITA= durata.

- È fatto di attimi irripetibili.

- È il tempo vissuto.

-Si costruisce nella continuità, fa la coscienza dell’uomo.

- L’uomo lo conserva anche senza accorgersene.

- Può essere colto solo attraverso un’intuizione.

La concezione della vita spirituale come durata consente di risolvere il problema della libertà.

La libertà viene a identificarsi con la durata reale della coscienza (dove atti e stati si integrano)

[La contrapposizione tra i deterministi, che negano l’esistenza della libertà umana, e i sostenitori del libero arbitrio nasce da una confusione tra durata ed estensione.]


In “Materia e memoria” Bergson espone il problema di definire una relazione tra il corpo e lo spirito.

Egli critica:
• L’ipotesi epifenomenista, secondo la quale il pensiero è una semplice funzione del cervello e lo stato di coscienza è un epifenomeno dello stato cerebrale;
• L’ipotesi parallelista, secondo la quale gli stati del pensiero e gli stati del cervello sono traduzioni di uno stesso originale in due lingue diverse (equivalenza tra le due dimensioni: spirituale e materiale).

Alla tesi idealistica, secondo la quale la materia si riduce a rappresentazione, e alla tesi realista, secondo la quale la materia è “una cosa” differente per natura dalle rappresentazioni che produce in noi, Bergson contrappone il senso comune.
Secondo il senso comune l’oggetto esiste indipendentemente dalla coscienza che lo percepisce; la materia è “un insieme di immagini” e il nostro corpo è un’immagine che agisce sulle altre immagini attraverso la percezione (Ha un carattere pragmatico: percepire significa cogliere, negli oggetti circostante, l’azione del nostro corpo su di essi).

La memoria pura (la “memoria per eccellenza”!!!): è la coscienza nella sua durata reale, indipendente da ogni legame con il corpo, e la totalità della nostra esperienza passata.
I ricordi- immagine sono ricordi puri utilizzati dalla percezione perché utili per l’azione presente (il nostro corpo, attraverso la percezione, seleziona solo i ricordi utili).

CERVELLO E MEMORIA: la memoria, essendo pura spiritualità, è indipendente dal corpo; di conseguenza, non può trovarsi nel cervello, che ha il ruolo di far passare la comunicazione.
Bergson visualizza il rapporto tra memoria e percezione attraverso un cono rovesciato

Ne “L’Evoluzione Creatrice”, l’opera più importante di Bergson, egli critica:

- L’evoluzionismo meccanicistico, poiché considera il processo evolutivo dominato da una necessità, da un ordine prestabilito e prevede la ricerca di cause passate per capire il presente.
- L’evoluzionismo finalistico, poiché riproduce lo schema meccanicistico, vincolando l’evoluzione alla realizzazione di un di un fine già fissato.

Soltanto utilizzando l’intuizione è possibile cogliere la realtà del processo evolutivo.

L’evoluzione della vita è “creatrice”,è una forza spirituale libera, imprevedibile e senza leggi; questa si manifesta nelle varie espressioni che troviamo in natura.

La Materia: pur essendo un ostacolo all’azione creatrice della vita, ha origine anch’essa dallo stesso slancio vitale.

Lo slancio vitale si presenta come energia che attraversa sia la materia che i corpi; nessuno può sottrarsi alla sua azione. Ostacolata dalla materia, questa si esprime in diverse linee evolutive.
- ARTROPODI: sono guidati dall’istinto, espressione immediata, inconsapevole.
- VERTEBRATI: oltre all’istinto, hanno l’intelligenza che, razionale e logica, produce i mezzi necessari per la sopravvivenza.


Istinto : Facoltà di costruire e utilizzare strumenti che sono parte integrante del corpo animale. È una forza naturale, automatica ed inconsapevole, necessaria per la sopravvivenza.
Intelligenza : Facoltà di produrre oggetti più complessi. E’ in grado di cogliere gli aspetti della realtà. Non è una qualità che nasce con l’uomo, ma si crea quando questo entra in contatto con il mondo esterno. E’ lo strumento della scienza.
Intuizione: E’ il metodo di conoscenza della metafisica. Solo grazie all’intuizione si può cogliere lo slancio vitale, il fluire delle cose, la dinamica della realtà , la diversità


Ne “Le due fonti della morale e della religione” Bergson studia due manifestazioni dell’azione creatrice dell’uomo, la morale e la religione, ed esclude la possibilità di ridurre la moralità a pressione sociale, finalizzata ad assicurare la conservazione di una comunità umana.

BERGSON DISTINGUE DUE TIPI DI SOCIETÀ

SOCIETÀ APERTA
- È l’umanità stessa, che comprende tutti gli uomini in quanto tali.
- È dominata dal principio di amore universale.

- Regna la morale aperta, volta alla dilatazione della vita. Qui vige una Religione Statica
È una reazione difensiva della natura contro ciò che deprime l’uomo; obbedisce e crea miti, quali la sopravvivenza dell’anima e l’esistenza di esseri protettori, che rassicurano l’uomo.


SOCIETÀ CHIUSA

-Sono le comunità umane: l’uomo ne fa parte e ne assume ideali e regole.
-La vita diventa sistema di abitudini e di leggi che limitano l’uomo.
- Regna la morale dell’abitudine, dell’egoismo e dell’intolleranza.
Qui vige una Religione Dinamica
Si identifica col misticismo, la cui essenza è l’amore, coincidente con l’amore di Dio per la sua opera. Comprende tutte le religioni che cercano un contatto con Dio stesso.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email