Sapiens 8239 punti

Altri esponenti della Sofistica sviluppano le tesi di lppia e Antifonte modificandone e, per molti versi, capovolgendone il senso. “Per natura”, infatti, viene riconosciuto il diritto degli individui più capaci, cioè più forti, a prevalere su tutti gli altri.
Per Callicle, ad esempio, gli uomini sono diversi, non uguali fra loro. Essi si dividono in deboli e forti e le leggi sono emanate proprio dai più deboli per impedire ai più forti di prevalere, mentre la natura (come dimostrano i conflitti di interesse che esplodono fra gli individui e fra gli Stati) riconosce quel diritto proprio ai più forti.
Nella nuova Sofistica si fa strada la tesi “anarchica” che ognuno è padrone di sé e, se è forte, tende ad imporsi e a dominare gli altri. L’oratore Trasimaco sviluppa questa tesi e afferma che per natura “giusto è ciò che è utile al più forte”. Proprio tale giustificazione della forza capovolge i luoghi comuni della morale:

giusto e felice è colui che i più considerano ingiusto e tiranno, che cioè sa imporre il suo interesse attraverso un uso spregiudicato della forza; ingiusto e infelice diventa invece colui che la morale corrente considera buono e virtuoso. Anche queste tesi saranno — in avvenire — oggetto di un’aspra critica da parte dei filosofi, soprattutto da parte di Socrate e Platone. Il carattere democratico, per taluni aspetti “eversivo”, della critica sofistica dell’ordine tradizionale dei valori, si era infatti capovolto nel suo contrario: il sofista non è più colui che sostiene tesi innovative e rivoluzionarie e propone nuovi valori.
In realtà, insieme alla Sofistica è il sistema della polis che, con Atene, comincia a entrare in crisi, O, almeno, entra in crisi l’idea del diritto di tutti i cittadini a governare. Proprio la storia di quegli anni, inoltre, con le sanguinose guerre, le durissime lotte sociali, i processi e gli assassini politici, sembra costituire il quadro di riferimento del l”immoralismo” di Trasimaco e Callicle. Ne è documento l’opera Guerra del Peloponneso di Tucidide, che contiene crude descrizioni delle motivazioni che hanno guidato le scelte politico-militari dei contendenti. Ma se il sorgere della Sofistica ha rappresentato un momento di critica di un ordine tradizionale dei valori, il suo tramonto segna l’aprirsi di una fase nuova, più matura e consapevole, di sviluppo del pensiero, di cui sono la massima espressione tre fra i più grandi filosofi di ogni tempo: Socrate, Platone e Aristotele.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove