Ominide 1445 punti

stoicismo: il sistema

La storia dello stoicismo viene divisa in tre periodi: stoicismo antico, medio e tardo o romano. La scuola della ‘stoa’, in riferimento al portico dipinto in cui si riunivano, è fondata intorno al 300 a.C da Zenone di Cizio, originario di Cipro che dapprima era un seguace del cinico Cratete. La scuola cinica era una filosofia socratica minore che esasperava il messaggio etico di Socrate, in quanto riteneva il vero uomo capace di indipendenza da tutto e da tutti. I critici pensavano che la virtù non necessitasse della scienza per essere praticata e non avevano fiducia sulle capacità umane di conoscere. Questo disprezzo della conoscenza è perseguito da alcuni stoici come Aristone, ma per lo più ritengono che la felicità si possa raggiungere coltivando le varie scienze, ordinate secondo Zenone in logica, fisica ed etica.
La logica deve individuare i criteri di verità e le regole del retto ragionamento ed è un recinto entro cui è possibile coltivare la conoscenza di ciò che i sensi ci danno come realtà; la fisica, con l’aiuto della logica, ci permette di studiare le varie forme della natura, perciò è il campo dove coltivare la conoscenza della realtà; infine l’etica è il frutto della coltivazione, per cui partendo dalla conoscenza logica e fisica mi permette di individuare i principi di condotta che mi orientano verso la felicità e mi indicano il bene. I successori più importanti di Zenone furono Cleante di Asso che si dedica ad approfondire la caratterizzazione di Dio, la struttura razionale e finalistica della realtà e Crisippo di Soli che approfondisce l’aspetto logico, in difesa dello stoicismo rispetto alle altre scuole, cercando di risolvere quei punti che erano oggetto di critica da parte di epicurei, platonici e aristotelici. Crisippo mediò rispetto alla rigidità dei suoi precedenti e viene considerato una sorta di secondo fondatore. Lo stoicismo ebbe lunga vita perché dal 155 a.C in poi, grazie all’ambasceria di tre scolarchi a Roma, penetrò anche all’interno dei costumi romani e fu accolto da aristocratici come Cicerone, Seneca e Marco Aurelio.

Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email