La giustizia nell’Atene democratica e Il concetto di giustizia


Il termine “giustizia” deriva dal latio “iustus” (“giusto”) che deriva da “ius” (“diritto”). Esso indica una legge, cioè una prescrizione per la comunità, che può derivare dalla natura, dagli dei o può essere positiva.

Sistema giudiziario nell’antica Atene


Il perno principale del sistema giudiziario dell’Antica Atene era il tribunale dell’Elia.
Solo chi si riteneva leso in qualcosa poteva promuovere un’azione legale. Per le cause private era previsto un tentativo di conciliazione e se questo non andava a buon fine si andava in tribunale. Entrambi i contendenti dovevano sostenere le proprie ragioni attraverso un logografo che sfilava l’orazione. Il processo non poteva durare più di un giorno e quest’ultimo era calcolato dal mese di Poseidone. In caso di condanna una seconda riunione dei giudici fissava la pena altrimenti, dopo un verdetto assolutorio, il processo terminava.

La giustizia nell’Atene democratica: i sofisti e Socrate


Nel periodo della crisi della pòlis si inaugura un dibattito con i sofisti: Antifonte con la svalutazione delle leggi umane e con l’illusorietà della giustizia, Trasimaco con la disuguaglianza per natura e Callicle con la tirannia dei più deboli.

Antifonte


Verso la metà del V secolo a.C. egli sottolinea la differenza tra leggi di natura, quindi norme universali, e leggi umane, considerate arbitrarie. Secondo Antifonte la legge di natura innalza alla giustizia e quindi all’uguaglianza. Le leggi umane, invece, chiamate anche leggi “positive” (positivo= ciò che è stabilito dagli uomini e che si oppone alle leggi naturali), risultano condizionate dalle situazioni.
Secondo tale sofista la giustizia è illusoria perché affidata alle leggi della città che spesso non proteggono l’offeso. Infatti spesso il colpevole con la forza della persuasione riesce a convincere i giudici della propria innocenza.

Trasimaco


Secondo Trasimaco gli uomini non sono uguali per natura e la loro disuguaglianza è rispecchiata dall’ordine sociale. Infatti come in natura prevale il più forte così in politica prevale chi è più convincente e capace. In questo modo la giustizia viene interpretata secondo criteri utilitaristici e la legge diventa lo strumento utilizzato dai più potenti per far prevalere il proprio interesse.

Callicle


Callicle, per il tema della giustizia, riprende il conflitto tra “nòmos” (legge) e “physis” (natura). Egli sostiene che le leggi sono strumenti utilizzati dai più deboli per tutelarsi nei confronti dei più forti. In natura, invece, accade il contrario: i più forti sottomettono i più deboli. Secondo il sofista quest’ultimo rapporto dovrebbe essere anche alla base della vita politica.

La giustizia nei confronti di Socrate


Socrate è il filosofo greco che per primo si distaccò dal pensiero sofistico. Il suo metodo di insegnamento, detto “metodo socratico”, invitava i giovani a capire fino in fondo i momenti della vita politica e soprattutto portava l’interlocutore al completo utilizzo della ragione.
Dopo la dittatura del governo dei 30 tiranni, ritornò la democrazia al potere. Quest’ultima però, siccome molto debole, condannò a morte il filosofo perché vedeva i suoi insegnamenti come una minaccia. Egli fu accusato e riconosciuto colpevole di non onorare gli dei e di aver corrotto i giovani. In questo caso la giustizia è stata utilizzata dai più potenti (i democratici) per liberarsi di coloro che impedivano di raggiungere i loro scopi (Socrate). Inoltre l’allievo più amato da questo filosofo, Platone, nelle sue opere parlerà di “democrazia bagnata di sangue”, ovvero di quel regime politico che garantiva la libertà di parola e di espressione ma, compiendo un’ingiustizia, la negò a Socrate e il suo sangue venne versato (condanna a morte).

Giusnaturalismo e giuspotivismo


I sofisti riescono ad evidenziare la differenza tra il livello universale dei principi di giustizia “naturali” e quello relativo delle leggi umane.

]Il senso dell’ “ingiustizia”

Zagrebelsky espone una riflessione nella quale tenta di mediare tra queste 2 posizioni. Da un lato espone la giustizia in un dibattito politico alla ricerca di “valori sostanziali e universali”, dall’altro afferma che i criteri universali riguardano ciò che è ingiusto. Secondo il letterato, infatti, in ogni uomo esiste un innato “sentimento del diritto” o “senso dell’ingiustizia” che consiste nella naturale reazione contro le azioni che ripugnano. Tale sentimento ha quindi carattere negativo perché ci segnala cosa è inaccettabile dal punto di vista etico.

La giustizia per Platone


Il tema della giustizia è il centro della filosofia di Platone. Per il filosofo la giustizia è il confluire delle cose in un ordine globale tali da rispecchiare l’idea suprema del Bene. Infatti non si può affrontare il tema della giustizia senza conoscere il Bene. L’opera “La Repubblica” di Platone è un dialogo dedicato al tema della giustizia. Essa è essenziale per la comunità, è alla base delle leggi, deve precedere ogni comandamento. La giustizia è armonia per lo stato, cioè si ha giustizia quando ciascun componente della società (comandanti, guerrieri e lavoratori) svolgono a pieno il proprio ruolo.

Autori contemporanei che parlano di giustizia : Erri De Luca


Nato a Napoli il 20 maggio del 1950, Erri De Luca è un autore che si è sempre lasciato ispirare dalle persone che conosce, perché “le storie non se le inventa”. Prima di scrivere ha svolto tanti mestieri, infatti è sempre stato un personaggio che non è mai stato ad oziare. Il successo è arrivato nel 1989 con il romanzo “Non ora, non qui”. I suoi libri sono stati prodotti in più di 30 lingue, molti sono stati anche vincitori di alcuni concorsi, e fece dell’autore napoletano lo scrittore italiano del decennio. Fin da giovanissimo si è sempre battuto per la ricerca della verità e della giustizia, fin quando nel 2013 è stato incriminato per istigazione e commettere reati. Durante gli anni del processo egli ha ricevuto molta solidarietà perché erano anni che non si accusava uno scrittore per reato di opinione, un’accusa tanto ingiusta quanto stupida. A sua difesa pubblicò “La parola contraria” dove ha fatto chiarezza sulle accuse ricevute. L’ultima battaglia che sta combattendo è quella sulle “ONG”.
“Io sto con questi pescatori di uomini che salvano migranti nel Mediterraneo”
In questa sua frase egli, senza strumentalizzazione di pensiero, esprime l’amore per la vita, per la fratellanza e per la pace.

Considerazioni finali: giustizia, democrazia e libertà al giorno d’oggi


Per nostra fortuna, viviamo in un Paese libero, democratico e repubblicano. Il fondamento essenziale per una vera democrazia consiste nella partecipazione di tutti alla vita politica della propria nazione. Se democrazia significa “governo del popolo”, questo vuol dire che tutti dobbiamo sentirci coinvolti in ciò che il governo fa o decide e negli errori che compie. Tra i compiti di uno Stato democratico c'è quello di emanare leggi che siano uguali per tutti i cittadini i quali sono tenuti a rispettarle. Lo Stato impone di rispettare le leggi e di comminare pene a coloro che le violano, secondo la giustizia. Essa indica la libertà dei cittadini che devono sentirsi tutelati e, allo stesso tempo, sicuri che le decisioni dei magistrati abbiano le stesse conseguenze per tutti. Un moderno Stato democratico deve quindi amministrare la giustizia in modo equo ed efficace, in modo da garantire ai propri cittadini la loro uguaglianza davanti alle leggi, nel rispetto dei loro diritti, così come dei doveri a cui sono chiamati in quanto facenti parte di una società civile.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email