Genius 27282 punti

L’astronomia


È, infine, attribuita ai Pitagorici una teoria astronomica che si basa su tre idee portanti. La prima riguarda l’esistenza del vuoto. La seconda afferma un vero e proprio respiro dell’universo, attraverso il duplice movimento dell’espirazione e dell’inspirazione di un soffio vitale del cosmo. La terza (di Filolao) ipotizza l’esistenza di un fuoco centrale intorno a cui ruotano dieci corpi celesti: la Terra, la Luna, il Sole, i cinque pianeti allora conosciuti, il cielo delle stelle fisse, l’Antiterra (che però è invisibile). Questi corpi celesti nel loro movimento intorno al fuoco cosmico producono un’armonia meravigliosa, che per noi è inavvertibile perché si traduce solo in un suono continuo. E da rilevare che, partendo dall’ipotesi del fuoco centrale, nel III secolo a.C. Aristarco di Samo elaborerà una teoria eliocentrica (contrapposta a quella geocentrica comunemente accettata), basata sull’idea che il Sole sia al centro dell’universo e che intorno ad esso ruotino gli altri astri.
Al di là della leggenda e dell’alone mistico che circonda il lavoro scientifico dei pitagorici, resta il fatto che ad esso si ispirerà la ricerca di alcuni fra i maggiori esponenti della scienza astronomica moderna, da Keplero a Galileo, soprattutto per l’idea-base che la struttura fondamentale dell’universo sia ricostruibile attraverso formule matematiche e modelli geometrici.
Hai bisogno di aiuto in Filosofia Antica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email