Erectus 777 punti

Elettronica


L'elettronica si occupa dello studio del moto degli elettroni all'interno di messi solidi o nel vuoto. Imparando a “guidare” e a “leggere” il moto degli elettroni all'interno di questi mezzi, mediante la realizzazione dei circuiti elettronici, si ottiene la gestione e l'elaborazione di informazioni, il controllo di macchinari e di strumenti ecc.. L'elettronica è diversa dall'elettrotecnica che si occupa di gestire la potenza elettrica per alimentare macchinari e dispositivi: l'elettronica tratta la gestione dell'informazione.

I circuiti elettronici sono composti da un supporto, il PCB (Printed Circuit Board, che in inglese significa “circuito stampato”) sul quale vengono montati e saldati i vari componenti, che sono collegati tra loro grazie alle opportune piste presenti sul circuito stampato stesso. I componenti di un circuito stampato si dividono in due grandi classi: i componenti attivi e i componenti passivi.

I componenti passivi di un circuito sono quelli che generano meno energia di quella che viene fornita. I più diffusi sono le resistenze, i condensatori, le induttanze e i diodi (che comprendono quelli luminosi, i LED, light Emitting Diode).

Tra i componenti attivi il più diffuso è sicuramente il transistor, che ha segnato la nascita dell'elettronica come la conosciamo. Altri componenti attivi sono i circuiti integrati, che hanno al loro interno tutti i componenti elettronici necessari per svolgere la propria funzione.

Hai bisogno di aiuto in Educazione Tecnica per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove