Ominide 214 punti

Tema: Ciascuna categoria di stakeholders ricerca nel bilancio d' esercizio precise informazioni: dopo aver indicato i diversi soggetti destinatari del bilancio, e gli interessi informativi da essi perseguiti, illustrare le modalità e gli scopi delle diverse interpretazioni del bilancio d' esercizio, e i limiti specifici delle seguenti tipologie di analisi di bilancio.

Gli stakeholders sono i soggetti che intrattengono dei rapporti con un' impresa, e pertanto hanno diritto a conoscere determinate informazioni desumibili dall' analisi di bilancio.
Generalmente sono i soci di minoranza, i clienti, i finanziatori, i dipendenti, i fornitori e le varie amministrazioni locali e finanziarie che hanno interesse a conoscere l'andamento economico, patrimoniale e finanziario dell' impresa per valutare i rischio d'investimento e la capacità aziendale di far fronte alle obbligazioni, quindi i suo grado di solvibilità.

La prima fase dell'analisi di bilancio è l'interpretazione, che si divide in:
- Letterale:
Consiste nell' individuare il significato e il contenuto delle singole voci, che spesso possono risultare difficili da comprendere, a meno che non si hanno conoscenze tecnico-specifiche.
Al giorno d' oggi questo tipo di lavoro risulta facilitato anche grazie alla normativa vigente, secondo la quale sono stati introdotti dei modelli omogenei, per tutte le imprese con l' obbligo di inserire informazioni dettagliate.

- Revisionale:
Permette invece di verificare l' attendibilità e a veridicità dei dati contenuti nel bilancio, anche se bisogna tener conto che essi sono dati stimati, non assoluti.

- Prospettica
Serve ad effettuare un confronto spaziale e temporale dei bilanci, per individuare le linee di tendenza e gli sviluppi futuri dell' azienda.

Nonostante tutto è inevitabile non tener conto dei limiti che incorrono, che possono essere:
- Esterni.
- Temporali.
- Spaziali.

I limiti esterni derivano dalla limitata capacità informativa dei documenti che compongono i bilancio, in quanto presentano dati desunti da un determinato istante della vita aziendale; ecco perché si parla anche di limiti temporali, infatti sappiamo che il bilancio rappresenta una "fotografia" dell' azienda in un preciso momento, quindi riusciamo a ricavarne solo un' interpretazione statica, che non considera la dinamicità dell' azienda.
Infine si parla di limiti spaziali, nel senso che le imprese anche se operano nello stesso settore, possono adottare dei criteri di valutazione diversi, che compromettono la compilazione dei loro bilanci.

Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità