Sapiens Sapiens 12226 punti

Sul concetto di povertà

Poiché la nozione dì povertà è un concetto relativo (essendo per esempio, come un livello di reddito al di sotto del 50% di quello medio di un Paese), a essa corrisponde livello tanto più alto quanto più un Paese è ricco. Per tale motivo la Banca mondiale ha definito un parametro internazionale di povertà, in modo da rendere confrontabili i dati relativi a Paesi diversi. La soglia di povertà è fissata nella misura di un dollaro per persona in prezzi a parità di potere d’acquisto Usa del 1995.
Utilizzando questo criterio, si può stimare che i Paesi poveri siano intorno al 30% della popolazione mondiale. In valore assoluto il loro numero è pari a circa 1,5 miliardi di persone e altri 2 miliardi si trovano appena al di sopra ditale soglia. Come riportano i dati , la maggior incidenza percentuale di poveri si trova nell’Asia del Sud (43% della popolazione,350 Pil pro capite), seguita dall’Africa sub sahariana (39%,490) e dall’Asia dell’Est e area del Pacifico (26%,800). Seguono nell'America Latina e Caraibi(24%,3320), nel Medio Oriente e Africa del Nord(4%,1780) e infine nell'Europa e nell'Asia Centrale (3%,2200). In tali zone il reddito medio annuo pro capite è pure molto basso.

In alcuni Stati, più della metà della popolazione vive al di sotto della soglia internazionale di povertà. Tra questi troviamo: Guatemala, Guinea-Bissau, India, Kenya, Lesotho, Madagascar, Nepal, Niger, Senegal e Zambia.

Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze