Sapiens Sapiens 12226 punti

Perché l'Africa è così povera?


L'evidenza empirica consente di stabilire che tra 1820 e 1992 l’Africa è stata la regione del mondo in cui il reddito pro capite è cresciuto con maggiori difficoltà, rimanendo sempre al livello più basso di tutto il pianeta, tanto che 1992 il reddito medio pro capite dei Paesi di questo continente era inferiore a quello che i Paesi dell’Europa occidentali potevano vantare all’inizio dell’Ottocento.
degli anni Sessanta sembrò per un breve momento che il problema potesse essere in certa misura superato, ma si trattò però di un falso segnale, tanto che oggi possiamo affermare che alcuni Paesi africani (Ghana, Madagascar, Somalia, Uganda, Zaire, Zambia) possiedono un reddito pro capite addirittura inferiore a quello di quarant’anni fa.
Ma perché l’Africa è tanto povera? Coerentemente con analisi svolta nel testo, le cause del fenomeno sono da ricercare nel livello troppo basso degli investimenti, nell’insufficienza del sistema di istruzione e formazione e nella carenza di infrastrutture. Ma perché soltanto in Africa esiste una situazione così drammatica?
Alcuni autori individuano una delle principali cause della povertà di questo Continente nella presenza, in numerosi Paesi, di gruppi etno-linguistici diversi che, in perenne lotta tra loro per affermare la propria supremazia, tendono a costruire posizioni di vantaggio per il clan piuttosto che a sviluppare l’economia di tutto il Paese. Le numerose guerre civili che hanno colpito diverse regioni dell’Africa negli ultimi anni ne sono una prova.
Altri autori rintracciano la causa della perenne povertà africana in una combinazione di fattori quali il clima, le malattie, le condizioni geografiche, la scarsità degli interventi politici. In effetti, nelle regioni tropicali si riscontra una minore produttività agricola, mentre molte innovazioni (anche non agricole) trovano più facile applicazione nelle aree temperate. L’Africa, inoltre, deve fronteggiare malattie endemiche come la malaria, che colpisce ogni anno 2 milioni di persone (più del 20% dei decessi del Continente) e l’Aids, che tra il 1985 e il 1995 ha colpito più di 4 milioni di africani e si prevede ne colpirà altri 10 milioni entro il 2005, privilegiando soprattutto la popolazione in età lavorativa (il 60% degli uomini, l’80% delle donne e il 90% dei bambini del mondo che ha contratto il virus sì trova in Africa).
Hai bisogno di aiuto in Economia & Ragioneria?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze