Ominide 8039 punti

Il trattato di Amsterdam e la creazione dell'Unione

Il trattato di Amsterdam, approvato nel 1997, è entrato in vigore il 1° gennaio del 1999. Questo documento ha dato il via al processo di creazione dell'Unione Europea. Questo trattato afferma alcune questioni molto importanti e sono:
- Lavoro. Il trattato prevede una collaborazione tra gli Stati per far accrescere l'occupazione, incentivando nuovi progetti e promuovendo il dialogo tra le parti sociali. Difende pari opportunità di lavoro tra uomini e donne, contrastando gli effetti peggiori della globalizzazione e avviando una maggiore trasparenza nei negoziati economici tra Stati.
-La protezione della natura. In tutte le azioni che riguardano l'agricoltura, i trasporti, le industrie, le politiche regionali, il trattato pone come obiettivo principale la realizzazione di uno sviluppo equilibrato e sostenibile. Si impiega a valutare l'impatto ambientale di tutte le proprie proposte.
-Contro le disuguaglianze. Secondo il trattato, l'Unione Europea deve combattere ogni forma di discriminazione, basata sul sesso o sulle preferenze sessuali, sull'origine etnica, sulla religione, sulle convinzioni personali, sugli eventuali handicap e sull'età. Combatte il razzismo e la xenofobia. Inoltre afferma l'uguaglianza tra l'uomo e la donna.
-La cittadinanza. Nel trattato si parla di "Europa dei cittadini", definizione che sottolinea come l'Unione si stia costruendo per i cittadini mediante un avvicinamento tra istituzione e persone attraverso la partecipazione di tutti alle politiche comunitarie. Inoltre afferma che ogni cittadino ha diritto di petizione davanti al Parlamento europeo.
-La libertà e i diritti. "L'Unione Europe si fonda sui principi di libertà, democrazia, rispetto dei diritti dell''uomo e delle libertà fondamentali". Quindi il trattato vuole proteggere la vita privata dei cittadini e tutelare le persone contro il trattamento e la diffusione dei dati personali.
-Lo sport. Il trattato sottolinea "la rilevanza sociale dello sport e il ruolo che esso ha nel forgiare l'identità e nel ravvicinare le persone".
-I rapporti con i parlamenti dei diversi paesi. Il trattato introduce alcune procedure per rendere più efficienti e trasparenti le comunicazioni tra i parlamenti degli Stati e le istituzioni europee.
-La politica estera dell'Unione. Il trattato invita gli tati membri a rafforzare la cooperazione e la solidarietà. Invita a decidere strategie e orientamenti comuni in politica estera. E' il Consiglio Europeo che decide le strategie comuni, però questo trattato non prevede una politica di difesa comune e quindi non prevede nè la formazione di un esercito comune nè un'uniforme europea per i militari.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email