Ominide 14357 punti

Lo Statuto dei lavoratori


La legge n. 300 del 1970, nota come Statuto dei lavoratori, è il più importante testo normativo di applicazione dei principi costituzionali. Negli anni cinquanta e sessanta, quando la Costituzione era già da tempo in vigore, l'esercizio dei diritti costituzionali sul luogo di lavoro, per esempio della libertà di opinione e della libertà sindacale, era di fatto in molti casi negato e ciò poteva rappresentare un rischio per il mantenimento del posto di lavoro o un motivo per ingiuste discriminazioni. Lo Statuto afferma che il lavoratore ha diritto sia di manifestare liberamente le proprie opinioni politiche e sindacali, sia di non farle conoscere; al datore di lavoro è vietata qualsiasi indagine in proposito; inoltre vieta qualunque forma di discriminazione tra i lavoratori basata sulle loro opinioni, sul sesso, sulla razza. Infine, limita i poteri di vigilanza, di controllo, di perquisizione personale, al fine di salvaguardare la dignità e la sicurezza del lavoratore.

I nuovi provvedimenti per il lavoro

-Lavoro interinale .La legge permette oggi, anche in Italia, alle aziende di "affittare" dipendenti a tempo determinato reclutandoli da agenzie specializzate iscritte a un albo. Il ricorso al lavoro interinale è previsto per la sostituzione di lavoratori assenti o per utilizzare professionalità estranee ai normali assetti aziendali.
-Borse lavoro .Fanno parte del piano straordinario per l'occupazione a favore dei giovani meridionali. Le "borse", destinate a; ragazzi fra 21 e 32 anni iscritti nelle liste di collocamento da oltre 30 mesi, serviranno a finanziare l'avvio al lavorò di 100 mila giovani presso aziende private, botteghe, o anche lavori socialmente utili.
- Apprendistato. L'età minima per l'apprendistato è fissata a 16 anni e la Massima a 24. Nel sud, però, l'età è elevata a 26 anni. I contratti di apprendistato possono durare da 18 mesi a 4 anni.
-Contratti di emersione. Sono previste agevolazioni fiscali e contributive per invogliare le aziende a mettersi in regola sanando i rapporti di lavoro in nero. Le agevolazioni previste raggiungono i 100 miliardi.
-orario di lavoro .Oltre ad abbassare a 40 ore l'orario di lavoro settima; vale vengono stanziati 1700 miliardi in tre anni per incentivare il ricorso al part-time.
-contratti di formazione e lavoro. Possono riguardare anche il settore pubblico.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email