Sapiens 3012 punti
La sospensione del rapporto di lavoro

Le cause che provocano la sospensione del rapporto di lavoro sono:
- Malattia e infortunio;
- Gravidanza e puerperio;
- Congedo matrimoniale;
- Servizio militare;
- Diritto allo studio.
Nei casi di malattia o infortunio sul lavoro, il lavoratore ha diritto alla conservazione del posto di lavoro per un periodo di 180 giorni nell'anno solare. Superato tale termine il lavoratore può usufruire su richiesta di un periodo d'aspettativa di 120 giorni senza percepire alcuna retribuzione. Quest'ultimo periodo è comunque considerato utile ai fini dell'anzianità di servizio, ma solo in caso di prosecuzione del rapporto.
Durante l'assenza di gravidanza e puerperio la lavoratrice, oltre ad avere diritto alla conservazione del posto, percepisce il trattamento economico previsto dalla legge a carico dell'INPS, ma anticipato dal datore di lavoro.
Quando il lavoratore contrae matrimonio, ha diritto, se non è in periodo di prova, al congedo retribuito di 15 giorni e, su specifica richiesta ad altri cinque giorni senza retribuzione.
Il periodo relativo al servizio di leva, durante il quale si sospende il rapporto di lavoro, è considerato utile ai soli fini dell'applicazione del tasso di rivalutazione per indennità di fine rapporto.
Il lavoratore può avere diritto allo studio e nelle aziende con almeno 50 dipendenti il lavoratore non in prova può godere di permessi retribuiti, qualora frequenti corsi di studio presso istituti pubblici oppure legalmente riconosciuti. La portata della norma è facilmente intuibile ed è correlata all'articolo 35 della nostra Costituzione.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017