Ominide 17058 punti

Il sistema del licenziamento individuale


In teoria, il regime del recesso ex articolo 2118 è valido anche per il licenziamento, irrogabile ad nutum, cioè senza la necessità di fornire una motivazione formale. Ovviamente anche in questo caso vige l’obbligo del preavviso, volto a impedire che il lavoratore si trovi privo del posto di lavoro dall’oggi al domani.
Spesso, però, i datori di lavoro comunicano nella lettera di licenziamento che il preavviso lavorativo è monetizzato, cioè sostituito dalla relativa indennità. Il Codice civile prevede inoltre un’ulteriore forma di licenziamento (per giusta causa o in tronco) che esonera il datore di lavoro dall'obbligo del preavviso.
In sostanza, però, sin dagli anni sessanta dello scorso secolo i giuristi hanno introdotto diversi limiti al potere di licenziamento ad nutum, in primo luogo tramite la legge 604/1966. Essa ha stabilito che il licenziamento individuale del lavoratore subordinato a tempo indeterminato è legittimo solo se è preceduto da un adeguato preavviso e, soprattutto, se è determinato da un giustificato motivo. In virtù di questa nuova legge, la giusta causa ex art. 2119 c.c. è considerata una sotto-ipotesi del giustificato motivo, cioè un fattore aggravante. Quando essa ricorre, infatti, oltre ad essere legittimo, il licenziamento ha efficacia immediata.
Dal punto di vista giuridico, giustificato motivo e giusta causa sono dei fatti in funzione dei quali l’ordinamento condiziona la legittimità del licenziamento. Per far valere l'insussistenza di tali fatti, cioè eventuali vizi del licenziamento, il lavoratore deve proporre un'azione in giudizio tramite l'impugnazione di quest’ultimo.
Se il giudice rileva l’illegittimità del licenziamento, il lavoratore gode del diritto alla reintegrazione nel posto di lavoro (tutela reale), riconosciuto dall’art. 18 dello statuto dei lavoratori.
Molti giuristi, però, hanno sostenuto che la tutela reale disincentiva le assunzioni a tempo indeterminato, a causa del timore di non riuscire più a liberarsi del lavoratore assunto. Per questo motivo è stata proposta la sostituzione della reintegrazione con la cosiddetta tutela economica del licenziamento ingiustificato, in funzione della quale la reintegrazione è circoscritta a casi particolari.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email