Ominide 11994 punti

Laicità nelle scuole


Oggetto della sentenza: discussione sulla laicità nelle scuole in relazione all’indubbia laicità preposta dalla carta costituzionale (artt. 7, 8, 19, 20)
Questione sollevata: legittimità costituzionale dell’articolo 9.2 della legge 121 del 1985 che prevedeva l’insegnamento nelle scuole pubbliche della religione cattolica.
Discussione: tramite questa sentenza, per la prima volta la Corte costituzionale delineò il principio di laicità definendolo «un principio supremo dello Stato». In particolare, nella discussione viene analizzata la legittimità costituzionale dell’insegnamento della religione cattolica nelle scuole non universitarie. La vicenda rileva a proposito della problematica nei confronti degli studenti che decidono di non avvalersene, per i quali la disciplina, pur consentendo di scegliere o meno l’ora di religione, impone la frequenza obbligatoria di corsi alternativi, con ciò creando un’obbligazione alternativa. La corte costituzionale ha stabilito la facoltatività dell’insegnamento dell’ora di religione; la coerenza delle norme dell’accordo di Roma con il principio di laicità; il diritto soggettivo di avvalersi o meno dell’ora di religione; il rispetto della libertà di coscienza e della responsabilità educativa dei genitori.
Conclusione: in definitiva lo stato italiano si impegna ad assicurare l’insegnamento della religione cattolica in virtù degli accordi internazionale. La decisione di frequentare i relativi corsi resta facoltativa e diventa obbligatoria solo in seguito a scelta da parte dello studente. In caso contrario questi non sarà parimenti tenuto a frequentare corsi alternativi, i quali si tradurrebbero in imposizione di obbligazioni alternative.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email