Ominide 10228 punti

Prerogative statali riconosciute dai costituenti


Essendo stato da poco superato il fascismo, i Costituenti rifiutarono le dottrine statolatre e, influenzati dalle dottrine liberalcontrattualiste, sentirono l’esigenza di affermare, prima di tutto il resto, che «la Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo». Nel contempo, differenziandosi dalle dottrine contrattualiste ispirate a una visione esclusivamente individualista, si volle dare forte rilievo – ispirandosi al personalismo comunitario dei filosofi cattolici francesi Maritain e Mounier – alle formazioni sociali intermedie, tutte quelle numerose «ove si svolge la personalità dell’uomo» (famiglia, scuola, associazionismo e così via). Dell’impostazione marxista che rifiuta di astrarre il cittadino dalle condizioni sociali in cui concretamente versa vi è significativa traccia nell’art. 3.2 Cost., il quale assegna alla Repubblica il compito di promuovere l’eguaglianza eliminando «gli ostacoli che impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese».
Mentre le forme di governo riguardano il modo in cui si distribui­ sce il potere politico fra i vari organi dello stato, vale a dire come vengono assunte da chi governa le decisioni politiche che concernono una determinata collettività statale, le forme di stato riguardano invece, più a monte, il modo in cui si atteggia il rapporto fra i cittadini e il potere politico, vale a dire il rapporto fra governanti e governati, nonché i fini ultimi che si pone l’ordinamento. Le forme di stato (e le forme di governo) non rappresentano degli archetipi ideali, ma uno strumento di classificazione e conoscenza: esse si definiscono attraverso un processo di astrazione dalle concrete forme statuali realizzatesi negli ultimi secoli. È questa la ragione per cui non è sempre facile classificare alcuni stati, quando presentano caratteristiche originali o sono il frutto di ibridazioni, in questa o quella forma di stato.
I costituenti, in poche parole, delinearono una forma di governo prettamente parlamentaristica al fine di configurare una forma di stato che, prima di tutto, desse priorità a tutti i diritti che, di certo, il fascismo non si era impegnato a garantire.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email