Il parlamento


Fa parte dell’ordinamento della repubblica ed è definito nel primo titolo della seconda parte della costituzione.
È l’organo legislativo (produce la norma).

Si basa sul bicameralismo, ovvero sull’esistenza di due camere (senato e deputati), entrambe con gli stessi poteri (bicameralismo perfetto).

La struttura è organizzata in questo modo:
 630 deputati
 315 senatori

L’elettorato può essere:
 Attivo: Coloro che hanno la cittadinanza e possono votare
 Passivo: coloro che vengono votati

Vi sono dei requisiti per i rispettivi tipi di elettorato:
 I senatori devono avere almeno 40 anni
 I deputati devono avere almeno 25 anni
 I cittadini per votare i deputati devono avere almeno 18 anni
 I cittadini per votare i deputati devono avere almeno 25 anni
Le camere restano in carica per 5 anni, tale periodo viene denominato legislatura.

Ciascuna camera ha:
 Un presidente (del senato/della camera dei deputati) con pari poteri
 Delle commissioni:
 Permanenti
 Straordinarie: Commissioni ad- hoc per legiferare in merito a singole questioni.

In sede:
 Deliberante: l’intero processo di discussione viene svolto all’interno della commissione.
 Referente: La discussione viene svolta all’interno della commissione che successivamente riferisce all’intera camera e ripete il processo.

Il voto può essere:
 Palese: per alzata di mano
 Anonimo (a scrutinio segreto): tramite l’uso di urne (Elezione del presidente della repubblica)

La maggioranza può essere:
 Costitutiva: Posto un quorum costitutivo (numero minimo dei parlamentari votanti) Devono essere positivi il 50% +1 dei voti.
 Semplice: Devono essere positivi il 50% +1 dei voti.
 Assoluta: Devono essere presenti e votanti tutti i parlamentari e Devono essere positivi il 50% +1 dei voti.
 Qualificata: Posto un quorum i 2/3 devono essere positivi.

I parlamentari godono di alcune immunità:
 Insindacabilità: I parlamentari non possono essere perseguiti per le opinioni e i voti dati nell’esercizio delle loro funzioni.
 Inviolabilità: Per reati comuni compiuti dai parlamentari all’infuori dell’esercizio delle proprie funzioni, i parlamentari non possono essere sottoposti a procedimento restrittivo o a processo se non dietro espressa autorizzazione della propria camera di appartenenza.

L'indennizzo:
Tutti i parlamentari godono di un indennizzo che dev’essere congruo alle loro funzioni.

Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email