Ominide 8291 punti

Origini e scopi della filosofia del diritto


Chiunque si accinga a frequentare un corso universitario di filosofia del diritto si sarà certamente chiesto che cos’è la filosofia del diritto. All’inizio del XX secolo, alla filosofia del diritto sono stati attribuiti tre diversi compiti:
- compito ontologico, volto a scoprire cos’è il diritto;
- compito fenomenologico, che studia in che modo il diritto si manifesta nella società;
- compito deontologico, che si propone di specificare come il diritto dovrebbe essere.
Sulla base di tale distinzione, il filosofo neokantiano Giorgio del Vecchio definiva «filosofiche» sia la ricerca logica, fondamentale per determinare il concetto di diritto (condizione di conoscibilità delle fonti giuridiche e pertanto ad esse logicamente anteriore), la ricerca fenomenologica, capace di delineare lo svolgimento storico del diritto, e la ricerca deontologica, necessaria per studiare l’ideale della giustizia.
L’espressione «filosofia del diritto» venne usata per la prima volta nel 1798 dallo studioso tedesco Gustav Hugo; in Italia essa venne pronunciata nel 1841 da Antonio Rosmini.
Molti studiosi si sono interrogati sulle ragioni che hanno indotto i giuristi e i filosofi a dedicare solo in età così tarda una particolare attenzione alla filosofia del diritto. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che nelle opere scritte fino al XVIII secolo non figurava mai il termine «diritto». Fu l’illuminista tedesco Thomasius il primo a distinguere, nell’ambito della vita pratica, tre diverse forme:
1. Iustum (Il diritto)
2. Onestum (la morale)
3. Decorum (ciò che è opportuno).
Il comportamento giuridico (iustum) si distingue da quello morale (honestum) anzitutto per il carattere intersoggettivo, che comporta il riferimento dell’azione ad almeno due persone. In altre parole, mentre l’azione giuridica genera un’obbligazione esterna che coinvolge almeno due persone, l’azione morale si riferisce ad un’obbligazione interna che riguarda la coscienza individuale. Il carattere intersoggettivo del diritto non consente però di differenziare quest’ultimo dal decorum, in quanto anche le regole del decorum riguardano due o più soggetti: però, mentre al decorum (ciò che è opportuno) nessuno può essere costretto, l’obbligazione giuridica derivante dal iustum è soggetta alla coazione da parte degli altri associati.
Rifacendosi al pensiero di Thomasius, Immanuel Kant distinse in seguito il concetto di legge morale da quello di diritto: fu così che si consolidò definitivamente la nascita della filosofia del diritto.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email