Ominide 56 punti
La norma

Le norme, sinonimo di regole, vengono utilizzate per tre funzioni:
• Garantire la convivenza pacifica tra i cittadini;
• Disciplinare l’organizzazione dello stato;
• Favorire la crescita economica e sociale del Paese.
Ci sono tre tipi di norme, le norme giuridiche (regole del diritto), le norme sociali (regole della società) e norme religiose (regole che si applicano all’interno della Chiesa). Le norme giuridiche vengono imposte dallo Stato, e tutte insieme formano il diritto.
La differenza tra le norme giuridiche e quelle sociali è che se non viene rispettata una norma giuridica viene applicata una sanzione da parte dello Stato, mentre se non viene rispettata una norma sociale si viene allontanati dalla società. Non tutte le norme sociali sono giuridiche, ma solo le più importanti (come non rubare, non uccidere e non dire falsa testimonianza).
Cos’è l’ordinamento giuridico?

È il complesso delle norme giuridiche organizzate secondo un ordine logico: per tempo e per materia.
La legge è un insieme di norme giuridiche che disciplinano lo stesso argomento.
L’ordinamento giuridico è quindi un insieme di leggi.
E giustizia significa secondo il diritto.
Le norme giuridiche hanno sei caratteristiche senza le quali sarebbero norme sociali:
1. La positività: cioè sono imposte dallo stato (diritto positivo);
2. La generalità: cioè vengono imposte a tutti i cittadini;
3. L’obbligatorietà: cioè sono obbligatorie per tutti;
4. La coattività: cioè vengono imposte con la forza delle sanzioni:
5. L’ astrattezza: cioè disciplinano un caso ipotetico, astratto, cioè un caso/fatto che non deve accadere per forza nella realtà, quindi la norma non deve disciplinare un caso reale.
6. L’esteriorità: cioè disciplinano un comportamento esterno (non punisce le intenzioni).
Esiste poi anche un’altra caratteristica, che vale sia per le norme giuridiche che per le norme sociali, la bilateralità, che attribuisce ad una persona un diritto ed a un’altra un dovere corrispondente e viceversa.
Diritto positivo e diritto naturale
Il diritto positivo (jus positum - diritto imposto) è l’insieme di norme poste e imposte dallo Stato. Poiché in ogni Paese le norme tendono generalmente ad adeguarsi al maturare della cultura e dei costumi, i diritti positivi di ogni Stato sono in costante evoluzione.
Il diritto naturale (diritti soggettivi e fondamentali) è un’espressione impiegata per indicare un diritto universale ed eterno composto di regole che la natura infonde nell’uomo (diritto alla vita, diritto alla salute, diritto a un’istruzione, diritto alla libertà etc..).
Il diritto positivo e il diritto naturale si evolvono: se cambia il diritto naturale, deve cambiare anche il diritto positivo in caso contrario viene a mancare sentimento di giustizia.
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove