Ominide 2147 punti

Libertà di espressione


Libertà di stampa


L’attività editoriale è libera e i giornali non sono soggetti a censura preventiva: per pubblicare un articolo non servono autorizzazioni. Tutte le pubblicazioni devono però contenere delle indicazioni (editore e direttore responsabile), così da poter identificare i colpevoli in caso di reato.
Il direttore responsabile risponde se un giornalista pubblica qualcosa che non va bene, perché non ha impedito avendo l’obbligo di vigilare. -> violazione colposa in vigilando.
Deve essere garantito il pluralismo dell’informazione: il cittadino deve poter scegliere tra giornali di diversa impostazione politica.
Concentrazione editoriale: per paura che gruppi economici monopolizzano la stampa, non si può avere più di tre giornali.

Informazione radio-televisiva in Italia


La televisione è stata per molto tempo monopolio pubblico della Radio televisione italiana (Rai).
Dal 1976 la Corte costituzionale ha considerato illegittimo il monopolio radio-televisivo e ha consentito alle emittenti private di trasmettere a livello locale. (inizialmente il privato non poteva trasmettere su tutto il territorio)
Nel 1990 è stato stabilito un duopolio televisivo (Rai e Mediaset).
Nel 1993 finisce la prima repubblica e nasce la seconda, basata sulla lottizzazione, per cui c’è la “Legge Mammini” che cerca di controllare il potere privato.
Con la legge Gasparri (2004), c’è un ampiamento del potere dei privati, per cui per le reti televisive in chiaro non si possono superare le 3; c’è quindi un’informazione televisiva pluralista.

Diritto di cronaca o privacy?


In Italia il diritto di cronaca prevale su quello alla privacy se i fatti sono veri, di interesse pubblica e la notizia presenta una propria utilità sociale.
Il diritto di cronaca deve rispettare dei parametri (VIC):
- Veridicità: il giornalista deve scrivere cose vere, dopo aver fatto adeguati riscontri (=verificare le fonti);
- Interesse alla pubblicazione: per pubblicare una notizia occorre che ci sia interesse pubblico a informare i cittadini;
Continenza: si deve usare un linguaggio adeguato al contesto, non offensivo, senza termini volgari.

Diritto di critica: E’ un’eccezione alla libertà di opinione


Si ha il diritto di esprimere delle riserve. Riguarda la libertà di stampa, la critica politica e la critica in ambiente lavorativo (es. dirigenti, allenatori).
Se si supera il limite al diritto di critica, si può essere licenziati.

Satira: viene enfatizzato per ironizzare alcuni aspetti di una persona (presa in giro bonario, non feroce).

Non si deve però uscire dal parametro della satira: no offese ai difetti fisica e alla persona in quanto tale.

Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email