Ominide 14352 punti

L'inflazione da domanda e l'inflazione da costi


Gli economisti si sono interrogati spesso sul fenomeno dell'inflazione. Faremo riferimento a due modelli; l'inflazione da domanda e l'inflazione da costi. Una prima spiegazione, di impostazione liberista, individua la causa dell'inflazione nell'eccesso di domanda sull'offerta. Infatti, se sul mercato c'è una domanda molto più alta dell'offerta disponibile, i venditori hanno gioco facile nell'aumentare i prezzi. Ma un eccesso di domanda corrisponde a un'eccessiva circolazione monetaria rispetto a un'offerta di merci e di servizi che non si espande nella stessa misura. Come si può verificare questa situazione? La responsabilità viene imputata spesso allo Stato che produrrebbe redditi in eccesso attraverso un deficit di bilancio, e soprattutto quando finanzia il deficit attraverso l'emissione di moneta.
L'inflazione da domanda è quindi un'inflazione generata da eccessiva circolazione monetaria rispetto a un'offerta di merci e di servizi che non si può espandere. L'incremento eccessivo della domanda può però essere il prodotto di una politica monetaria eccessivamente espansiva, cioè che espande troppo il credito e lascia troppo spazio agli investimenti e alla creazione di reddito/spesa. Ci sono esempi storici di situazioni di questo tipo, soprattutto come conseguenza di indebitamenti da parte degli Stati dopo periodi di guerra. O 1g; in Italia, come d'altronde in tutti i paesi appartenenti all'Unione europea, i Governi non possono finanziare i deficit di bilancio con l'emissione di moneta. Tuttavia non si può affermare, secondo un'altra schiera di economisti, che l'aumento della circolazione monetaria e del credito provochi automaticamente l'inflazione. Secondo altri, invece, è più frequente il caso di aumenti di prezzi generati dalla crescita dei costi di produzione. Perché aumentano i costi? Anzitutto possono aumentare i prezzi delle materie prime, sia interne sia provenienti dall'estero. Poiché i prezzi di vendita di alcune merci (l'acciaio, la gomma, il petrolio ecc.) influiscono sui costi di produzione di altre (le automobili ecc.), gli incrementi dei prezzi si influenzano reciprocamente all'interno del paese. Spesso poi le materie prime provengono dall'estero. In questo caso si dice che l'inflazione è importata. È quello che è successo in gran parte dei paesi europei negli anni settanta., dopo il rincaro del prezzo del petrolio deciso dall'Opec (Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio). L'inflazione da costi, inoltre, può essere generata da un aumento eccessivo del costo del lavoro. Se il salario aumenta più rapidamente della produttività del lavoro e I imprenditori non intendono ridurre il margine di ricarico a percentuale di profitto), si avrà un'inflazione per il trasferimento del maggiore costo sui prezzi di vendita. Il trasferimento sui prezzi è tipico di un sistema economico dove predominano forme di mercato oligopolistiche. Si tratta però di un'arma di difesa che le imprese che subiscono la concorrenza dall'estero possono usare solo con molta discrezione, mentre è utilizzata senza remore dalle imprese dei settori protetti (ossia non esposti alla concorrenza internazionale).
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email