Video appunto: Disciplina sulla revoca nelle società di persone

Disciplina sulla revoca nelle società di persone



La disciplina della società di persone ammette la possibilità di revocare uno solo dei soci. Se la revoca riguarda un amministratore nominato mediante contratto sociale è richiesto il consenso unanime di tutti i soci; gli amministratori nominati mediante atto separato possono essere revocati applicando le norme sul mandato (sempre consenso unanime dei soci, cioè dei mandatari).

I diritti e gli obblighi degli amministratori sono regolati dalle norme sul mandato. Gli amministratori sono solidalmente responsabili verso la società per l'adempimento degli obblighi ad essi imposti dalla legge e dal contratto sociale. Tuttavia la responsabilità non si estende a quelli che dimostrino di essere esenti da colpa. Gli amministratori, in qualità di mandatari, devono osservare la diligenza del buon padre di famiglia.

L’azione di responsabilità contro gli amministratori si prescrive in 5 anni.
Ogni socio riceve la sua parte di utili dopo l’approvazione del rendiconto. Questa è una grande differenza rispetto alle società di capitali, in cui la ripartizione degli utili avviene solo dopo una deliberazione a maggioranza da parte dell’assemblea. Il rendiconto è tipico delle società di persone; quelle di capitali producono invece il bilancio. Solo quest’ultimo deve essere iscritto nel registro delle imprese.
Guadagni e perdite spettanti ai soci sono proporzionali ai conferimenti. Se il conferimento non è determinato nel contratto, guadagni e perdite sono statuiti dal giudice o da un terzo, la cui decisione è impugnabile entro 3 mesi. È nullo ogni patto leonino, ma non il contratto sociale;