Video appunto: Dazione

La dazione



Particolare importanza risulta avere la dazione in pagamento secondo cui il debitore non può liberarsi dalla obbligazione eseguendo una prestazione diversa da quella dovuta anche se di valore uguale o maggiore senza che il creditore lo consenta. Essa viene espressamente disciplinata da parte del codice civile. Attraverso tale procedimento si realizza l'interesse del creditore ma con la sostituzione del bene originario oggetto della precedente obbligazione, in tal modo la dazione in pagamento si distingue dalla novazione.


Ai fini della realizzazione dell'interesse del creditore rileva la volontà dello stesso di conseguire un bene diverso da quello originario. In tal modo l'obbligazione si estingue quando la diversa prestazione è eseguita. Se la dazione consiste nel trasferimento della proprietà o di altro diritto reale il debitore è tenuto alla garanzia per evizione e per vizi secondo le norme della vendita salvo che il creditore preferisca esigere la prestazione originaria e il risarcimento del danno. Se la dazione consiste nella cessione del diritto di credito l'obbligazione si estingue con la riscossione del credito ceduto. Il cedente deve garantire la solvenza del debitore. Quando la dazione in pagamento non ha prodotto l'effetto sperato è possibile far rivalere il diritto di credito originario con le garanzie prestate dal debitore.