Ominide 14353 punti

I Contratti collettivi e ruolo del sindacato

Il compito principale del sindacato, a livello nazionale, è quello di stipulare periodicamente contratti collettivi di lavoro. Questi stabiliscono per ciascun settore (metalmeccanico, chimico, tessile ecc.) i diritti e i doveri dei lavoratori e dei datori di lavoro (salario, orario di lavoro, mansioni ecc.). Naturalmente quanto è stato pattuito diventa vincolante per le parti contraenti appartenenti alle associazioni che hanno sottoscritto l'accordo. In pratica questo significa che il contenuto dei contratti collettivi verrà trasferito nei contratti individuali di lavoro, cioè nei contratti che ciascun lavoratore stipula con il proprio datore di lavoro al momento dell'assunzione. Ma che cosa accade se un lavoratore, come è libero di fare, non è iscritto a nessun sindacato? Per evitare disparità di trattamento tra lavoratori dello stesso settore il contenuto dei contratti collettivi di lavoro viene esteso di fatto a tutti i lavoratori del settore, iscritti o non iscritti al sindacato. Lo sviluppo dei sindacati ha profondamente modificato i caratteri del sistema capitalistico che tendeva originariamente a non far superare ai salari il livello di sussistenza e a imporre condizioni di lavoro abbrutenti. L'organizzazione sindacale dei lavoratori e la conseguente capacità di strappare aumenti salariali hanno avuto storicamente due aspetti:
a. per quanto attiene i costi, hanno costituito uno stimolo per le imprese, spingendole a perseguire l'innovazione tecnologica, così da aumentare la produttività del lavoro e da ridurre l'utilizzo di forza-lavoro attraverso l'automazione;
b, per quanto attiene la domanda, hanno permesso alla classe lavoratrice di appropriarsi di una quota dei frutti del progresso tecnico e di tradurre il reddito crescente in domanda di beni di consumo.
Il rafforzamento del movimento sindacale si è tradotto, sul piano politico, nell'affermazione dei partiti di massa, dei quali condivideva l'ideologia (in Italia socialista o cattolica) e le modalità di organizzazione. Negli ultimi decenni, nel nostro paese, i sindacati si sono progressivamente imposti come soggetti politici autonomi, arrivando a contrattare direttamente con lo Stato importanti aspetti della vita sociale (il sistema previdenziale, quello fiscale, lo Statuto dei lavoratori ecc.).
Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email