Ominide 6608 punti

Le azioni di peace-keeping


Il ruolo di guardiano della pace assegnato all'ONU ha ridimensionato l'importanza delle alleanze militari e ha esaltato quello delle organizzazioni di pace che favoriscono l'integrazione economica, sociale, culturale tra gli Stati. Tuttavia, poiché le situazioni di conflitto tra Stati o all'interno di singoli Stati sono frequenti, l'ONU assolve la sua funzione di garante della pace con interventi militari di peace-keeping (mantenimento dela pace).

Le attività di peace-keeping consistono nell'invio di contingenti militari (i caschi blu) con compiti di interposizione tra i belligeranti e di tutela delle popolazioni civili. L'efficacia di tali interventi risulta, in verità, alquanto ridotta, perché i caschi blu non possono impiegare la forza se non in caso di attacco diretto nei loro confronti. Negli ultimi due decenni l'ONU ha pero' ordinato anche operazioni di peace-enforcement (imposizione della pace) in cui, per sanzionare l'aggressione di uno Stato nei confronti di un altro o pr salvaguardare i diritti delle popolazioni, ha autorizzato l'uso diretto della forza.

Poiché l'ONU non dispone di un proprio esercito, i contingenti militari necessari alla conduzione delle operazioni sono forniti dagli Stati membri o dalle organizzazioni a essi legate, come la NATO, le cui truppe sono oggi impegnate in Afghanistan su mandato dell'ONU. In questo caso, gli eserciti operano sulla base di regole d'ingaggio dettate dal Consiglio di sicurezza delle nazioni unite.

Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità