Pecchio di Pecchio
Ominide 13 punti

L'attività professionale del perito

Introduzione
L'estimo è la materia che fornisce la metodologia per la valutazione dei beni (mobili e immobili), diritti (usufrutto, sopraelevazione ecc...) e dei danni.
Valutare significa attribuire una determinata quantità di moneta al fine di risolvere un problema pratico, cioè calcolare l'equivalenza tra il denaro e l'oggetto della stima.

L'attività del perito
L'attività del perito può essere esercitata in ambito conflittuale e non conflittuale. Consiste nel rispondere ad n determinato quesito di stima postogli dal committente. L'elaborato tecnico redatto dal professionista in risposta al quesito è chiamato perizia.

In ambito conflittuale la risoluzione del contenzioso costituice lo scopo della stima. In questo caso il compito del perito è offrire il proprio supporto tecnico-estimativo da perfezionare in sede legale con la presenza di un avvocato o di un notaio. Bisogna precisare due tipi di conflittualità: quella tendenziale e quella esasperata. Se vi è una conflittualità tendenziale il perito può cercare di risolvere le controvesie in via bonaria, ovvero con un libero accordo tra le parti. Ma se la conflittualità è esasperata, gli accordi verranno stabilità in via giudiziale con la presenza di un giudice e relativa sentenza basata sulla stima tecnica del perito.
La perizia di stima viene svolta anche in ambito non conflittuale. In questo caso lo scopo principale della stima è quello di determinare il valore per gli scopi definiti dal committente indipendentemente se vi è una conflittualità in atto o meno.
Tuto questo possiamo inserirlo nel processo civile.
Il processo civile viene attuato quando la parte ricorrente(chiamata anche attore), chiama in causa davanti ad un giudice mediante atto di citazione redatto da un legale la parte resistente(chiamata anche convenuto).
Il giudice,in merito ai problemi della controversia, nomina un consulente tecnico d'ufficio CTU (il perito di cui sopra), affinché risponda ad un determinato quesito. Il CTU presterà giuramento ed entro una data ben precisa, che comunicherà alle parti, svolgerà il compito dal giudice assegnatogli. Le parti in causa possono essere affiancate da un CTP, ovvero da un consulente tecnico di parte (termine usato per definire il geometra di oggi), che ha essenzialmente lo scopo di assistere e di controllare l'operato del CTU.
L'insieme delle operazioni eseguite dal CTU vengono racchiuse in una relazione di stima che dovrà essere depositata nella Cancelleria del Tribunale entro un termine fissato.

Hai bisogno di aiuto in Diritto?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove