Ominide 80 punti

canto XI purgatorio

La struttura

Il canto può essere suddiviso in quattro parti circa uguali:
1. la preghiera dei superbi ed il commento di Dante narratore (1-36)
2. Omberto Aldobrandeschi: la superbia del nobile (37-72)
3. Oderisi da Gubbio: la superbia dell’artista (73-117)
4. Provenzan Salvani: la superbia vinta per amicizia (118-142)

La preghiera

Ha una struttura molto precisa, secondo il gusto della simmetria rigorosa che è tipico del medioevo e di Dante:
- ad ogni invocazione corrisponde una terzina
- 12 versi sono dedicati alla lode di Dio, 12 alle richieste
Comprende inoltre richiami ad altri testi: il Cantico delle creature di san Francesco (vv.4-5) ed il libro dell’Esodo (vv.13-14), simbolo della conversione a Dio come liberazione dal peccato.
Sono infine evidenti i segnali del superamento del peccato di superbia:

- l’abbondante uso di pronomi ed aggettivi di prima persona plurale (noi, nostro)
- il riconoscimento della propria insufficienza (vv. 8-9, 15, 18-19)
- la preghiera per gli altri e non per sé stessi (vv. 21-24).

Omberto Aldobrandeschi

Nelle sue parole è evidente quanto il suo peccato sia ormai superato: anzitutto nel contrasto tra ciò che fu e ciò che è ora (vv. 58 e 67); inoltre, nell’anticlimax su cui il suo discorso è costruito: dall’arroganza iniziale (vv.58-66), alla consapevolezza dell’errore (vv. 67-69), all’umile accettazione della penitenza (vv. 70-72).

Oderisi da Gubbio

Tutto il suo discorso è costruito sul tema della vanità della gloria. In realtà, secondo Dante, è giusto che il magnanimo aspiri alla fama per le sue opere meritorie, ma deve anche essere consapevole che tale fama è transitoria, come evidenziano le metafore utilizzate (vv. 91, 100-102, 115-117).

Provenzan Salvani

Nella parte finale del canto troviamo una delle molte profezie sull’esilio di Dante pronunciate dalle anime che egli incontra: chiudendosi su un’immagine di autoumiliazione, le parole di Oderisi gli preannunciano l’umiliazione che lui stesso dovrà subire negli anni di esilio, costretto a chiedere ospitalità ed aiuto ai vari signori italiani.

Hai bisogno di aiuto in Purgatorio?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email