Ominide 93 punti

Legame ionico

Affinché si possano trasferire elettroni è necessario che gli atomi non siano uguali nazi devono presentare proprietà chimiche molto diverse. E' un legame ionico la forza di attrazione di natura elettrica che tiene uniti gli ioni di segno opposto, ioni che si sono formati in seguito al trasferimento di elettroni da atomi di un elemento ad atomi di un elemento diverso.
Legame covalente
E' la forza di attrazione di natura elettrica tra 2 atomi dovuta a una coppia di elettroni, condivisa perché attratta da entrambi i nuclei. Quando ci sono 2 coppie di elettroni condivise tra gli stessi due atomi, i due legami covalenti che si formano prendono il nome di doppio legame- Quando tra 2 atomi ci sono tre coppie di elettroni condivise, i tre legami covalenti che si formano prendono il nome di triplo legame.

Legame covalente polarizzato

Il tipo d legame covalente in cui gli elettroni condivisi sono disposti in modo non simmetrico tra i due atomi a causa di una differente elettronegatività prende il nome di legame covalente polarizzato. Se gli atomi che si legano sono uguali, oppure sono diversi ma hanno la stessa elettronegatività, il legame non è polarizzato e viene perciò chiamato legame covalente apolare o legame covalente puro.

Legame dativo

Il tipo di legame covalente in cui la coppia dci elettroni condivisa proviene da uno solo dei due atomi legati.

Legame metallico

Questi elettroni non potendo trasferirsi stabilmente su un altro atomo formano insieme con gli elettroni di tutti gli altri atomi una specie di nuvola elettronica, essa pervade tutta la struttura e costituisce il collante che tiene saldamente uniti gli ioni, tutti con carica positiva. Legame metallico è la forza di attrazione di natura elettrica che si stabilisce tra gli ioni positivi e l'insieme degli elettroni di valenza in cui cui sono immersi. Gli elettroni di valenza non sono collocati stabilmente sugli atomi ma sono liberi di muoversi tra gli ioni, si dice siano delocalizzati.

Legame a idrogeno

E' un legame tra molecole polari in cui sono presenti atomi di idrogeno legati ad atomi di azoto, ossigeno e fluoro, cioè gli elementi che presentano i più alti valori di elettronegatività. Il legame a idrogeno è responsabili di un comportamento anomalo dell'acqua: questo infatti è una delle pochissime sostanze che, durante il processo di solidificazione, aumenta il proprio volume. Nell'acqua liquida le molecole nonostante la presenza di legami a idrogeno mantengono comunque libertà di movimento. Diminuendo la temperatura, le molecole rallentano il loro stato di agitazione e, avvicinandosi a 0C, cominciano a formarsi legami a idrogeno stabili, direzionati secondo ben precisi angoli di legame. Si forma di conseguenza una struttura caratterizzata da spazi vuoti che porta a un aumento di volume dell'acqua quando diventa solida: proprio per questo motivo la densità del ghiaccio è minore di quella dell'acqua, sulla quale infatti riesce a galleggiare. E' interessante osservare che lo strato di ghiaccio che si forma sulla superficie dei laghi impedisce la completa solidificazione dell'acqua e ciò fa si che la vita di piante e animali possa continuare.
Hai bisogno di aiuto in Inorganica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email