Erectus 1117 punti

Legame ionico e covalente


I legami chimici sono interazioni che tengono unito un atomo all'altro e si distinguono in primari o interatomici ovvero tra atomi di una stessa molecola o reticolo cristallino e secondari o intermolecolari tra atomi di una diversa molecola.
La regola dell'ottetto di stabilità afferma che un atomo è stabile quando possiede l'ottetto nel livello elettronico esterno. Fa eccezione l'idrogeno che si stabilizza con un duetto. Al fine di raggiungere questa condizione l'atomo può acquistare o cedere elettroni i due atomi si trasformano in ioni con carica opposti si attraggono oppure condividere elettroni di valenza.
Questi legami sono di due tipi: legame ionico e legame covalente.
Il legame ionico è il legame elettrostatico che si instaura tra due ioni di carica elettrica opposta. Si definisce ione un atomo o una molecola con uno o più cariche elettriche. Il legame avviene attraverso il trasferimento di uno o più elettroni da un atomo che diventa uno ione positivo verso un altro atomo che acquistando elettroni diventa uno ione negativo. Il composto che ne risulta è elettricamente neutro in quanto costituito da uno ione negativo e uno positivo. Un esempio di legame ionico il cloruro di sodio. Il sodio cede un elettrone al cloro e l'unione dei due ioni Na+ e Cl- è il cloruro di sodio (NaCl).
Il legame covalente è il legame che si instaura tra due atomi che per completare il loro guscio elettronico esterno condividono una o più coppie di elettroni. Due o più atomi uniti da legami covalenti formano una molecola. Un esempio di legame covalente è la molecola del cloro (Cl2).
Hai bisogno di aiuto in Inorganica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email