Ominide 6604 punti

Elementi e composti

Trasformazioni chimiche sono per esempio quelle che avvengono quando una singola sostanza viene decomposta in altre più semplici, in genere con l'apporto di ingenti quantità di energia. L'energia puo' essere fornita:

• con il calore (reazione di pirolisi), compe per la decomposizione dello zucchero in carbonio e acqua per effetto della fiamma (prima della completa carbonizzazione si ottiene lo zucchero caramellato);
• con l'elettricità (reazione di elettrolisi), come nella scissione dell'acqua in idrogeno e ossigeno.

Queste reazioni sono dette di decomposizione, ossia trasformazioni chimiche in cui da una sostanza se ne ottengono due (o più).
Le sostanze che possono essere decomposte, ma solo con trasformazioni chimiche, sono dette composti.
Invece, le sostanze che non possono essere decomposte" in alcun modo sono dette elementi. Per esempio, niente riesce a trasformare il carbonio, l'idrogeno e l'ossigeno in sostanze più semplici.

Gli elementi presenti in natura sono 90, anche se l'uomo ha trovo il modo di sintetizzarne altri 26 (elementi artificiali) che pero' hanno vita breve.
Ogni elemento ha un nome (spesso derivato dal latino) e un simbolo, formato da una o due lettere, di cui la prima é sempre maiuscola.
Per esempio, il carbonio ha come simbolo C; l'azoto N (dal francese nitrogène, nato nel 1790 come voce composta dalle parole greche nitron = (sal) nitro e génos ) nascita, cioè che produce salnitro; il mercurio ha simbolo Hg dal nome latino hydrargirium (argento liquido, argento vivo).
A livello delle particelle, gli elementi si uniscono intinmamente con trasformazioni chimiche per formare i composti. Le reazioni chimiche di questo tipo sono dette di sintesi.
Tenendo conto delle enormi possibilità di combinazione, i composti sono tantissimi e ne vengono sintetizzati sempre di nuovi. I composti sono formati dagli elementi, ma non ne mantengono le proprietà: per esempio l'acqua non assomiglia all'ossigeno (uno dei componenti dell'aria, necessario per la combustione) e all'idrogeno (un gas poco denso ed estremamente infiammabile) da cui é formata; il sale da cucina non assomiglia né al sodio, né al cloro, elementi da cui é formato.

Hai bisogno di aiuto in Inorganica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email