Genius 21969 punti

La trasmissione del sesso


Gli studi condotti sugli insetti portarono ad altri importanti risultati. Fu messo in evidenza che vi sono cromosomi specifici che determinano il sesso, definiti cromosomi sessuali; in insetti maschi fu rilevato un cromosoma in meno, mentre in altre specie una coppia cromosomica è differente nei due sessi. Nella Drosophila il sesso femminile è determinato da due cromosomi uguali, indicati con XX, e il sesso maschile da una coppia di differenti cromosomi, indicata con XY. Nella specie umana gli individui con cromosomi sessuali XY sono di sesso maschile, quelli con due cromosomi X sono di sesso femminile. I cromosomi non coinvolti nella determinazione del sesso sono noti come autosomi; uomini e donne hanno 22 coppie di autosomi. I cromosomi diversi tra loro, XY, vengono definiti eterocromosomi e il sesso detto eterogametico. Nella Drosophila e in altri animali (fra cui l'uomo)il sesso femminile è omogametico, perché presenta due cromosomi sessuali uguali. La femmina produce pertanto gameti sempre con cromosoma X; il maschio produce invece due tipi di gameti diversi, uno recante il cromosoma X, l'altro con cromosoma Y. Alla fecondazione se l'uovo è fecondato dal gamete con X, lo zigote (XX) evolve in un individuo femmina . Viceversa se l'uovo viene fecondato dal gamete con cromosoma Y, lo zigote (XY) è di sesso maschile. La probabilità che lo zigote sia maschio è uguale alla probabilità che lo zigote sia femmina ed è uguale a 1/2.
Hai bisogno di aiuto in Genetica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email