Ominide 11266 punti

RNA


Il materiale genetico della cellula non è costituito soltanto da DNA ma anche da un altro acido nucleico: l’acido ribonucleico o RNA.
Nella cellula sono presenti tre tipi di RNA, ognuno con uno specifico compito nel processo di sintesi delle proteine:
•l’RNA messaggero (mRNA) ha una struttura a singolo filamento e trasporta dal nucleo al citoplasma una copia del messaggio presente su un gene;
•l’RNA ribosomiale (rRNA) si trova a livello citoplasmatico, dove, associato con specifiche proteine, forma i ribosomi; sui ribosomi avviene l’assemblaggio delle proteine;
•l’RNA transfer o di trasporto (tRNA) ha una complessa struttura tridimensionale e ha la funzione di trasportare ai ribosomi gli amminoacidi da aggiungere alla proteina in costruzione, collocandoli nella posizione corretta.

Per convertire il messaggio scritto sul DNA in molecole polipeptidiche la cellula utilizza un processo, la sintesi proteica, che si svolge in due tappe: la trascrizione e la traduzione

La prima fase della sintesi proteica è la trascrizione, si svolge nel nucleo e consente di copiare il messaggio di un gene su una molecola di DNA messaggero. Avviene in maniera simile alla duplicazione del DNA, ma: viene copiato solo un tratto di DNA; l’enzima addetto alla trascrizione è l’RNA polimerasi il prodotto della trascrizione è una molecola a singolo filamento; l’RNA polimerasi non è in grado di correggere eventuali errori.
Dopo che l’RNA polimerasi si è legata al promotore, la doppia elica di DNA si svolge per un breve tratto di circa 10 basi alla volta.

La trascrizione consiste nella copiatura del messaggio di un gene in un filamento di RNA messaggero.
Le proteine sono molecole costituite da amminoacidi disposti in un ordine ben preciso e legati tra loro a formare lunghe catene.

La lettura del messaggio sul gene e la sua conversione in proteina seguono regole molto precise: a ogni terzetto di basi azotate (o tripletta) sul DNA corrisponde un amminoacido sulla proteina.
Questo passaggio è mediato dall’RNA messaggero, che in corrispondenza di ogni tripletta del gene ha un codone, costituito dai tre nucleotidi complementari.
Questa corrispondenza tra codoni e amminoacidi rappresenta il codice genetico.

Hai bisogno di aiuto in Genetica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017