Ominide 4864 punti

Mutazioni genetiche - cause

Cause delle mutazioni: possono essere spontanee o indotte. Le mutazioni spontanee non dipendono da agenti esterni e possono essere causate dalla tautomeria o da errori della DNA polimerasi. Per tautomeria si intende il fatto che i nucleotidi hanno due forme diverse, una più rara e una comune. Gli errori della DNA polimerasi sono determinati dal fatto che la replicazione non è perfetta e, nonostante i numerosi processi di controllo, degli errori possono sfuggire. Le mutazioni spontanee possono anche comportare lesioni spontanee: processi chimici di ossidazione, deamminazione o depurinazione possono comportare cambiamenti a livello dei nucleotidi.
Le mutazioni indotte sono causate da mutageni chimici o fisici. Mutageni fisici sono radiazioni ionizzanti o non ionizzanti. C’è una particolare condizione detta xeroderma pigmentoso, in cui le radiazioni comportano l’unione di due timine (formazione di un dimero) e in questa condizione sono assenti o non funzionali i meccanismi di riparazione.

Gli agenti intercalanti sono agenti che determinano inserzione, delezione e sostituzione di nucleotidi.
I mutageni possono essere naturali (esempio muffe) o artificiali (esempio nitriti).
Ci sono delle mutazioni molto frequenti dette hot spot.
Le mutazioni possono avvenire nella regione codificante. Esse comprendono le mutazioni silenti, missenso, frameshift e nonsenso.

Hai bisogno di aiuto in Genetica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email