Sapiens 7865 punti

I polisaccaridi


Sono polimeri degli zuccheri semplici con formula empirica (C6H10O5),contengono più di dieci unità monosaccaridiche condensate attraverso legami glicosidici. La molecola che ne deriva può essere lineare o ramificata. Le unità monosaccaridiche ricorrenti possono essere dello stesso tipo odi tipo diverso e dare luogo a omopolisaccaridi o a eteropolisaccaridi rispettivamente

I polisaccaridi sono presenti nelle piante,negli animali ,nei batteri come sostanze di riserva o strutturali. Molto abbondanti nelle piante sono due polimeri del D-glucosio: l'amido e la cellulosa. Il primo, formato da α-glucosio solubile e utilizzabile dalla cellula come fonte di nutrimento e sostanza di riserva; la cellulosa, composta da β-glucosio, è insolubile, non utilizzabile come nutrimento e rientra invece nella struttura dei tessuti poiché costituisce la parete cellulare delle cellule vegetali. L’amido è presente in due forme: l’α-amilosio costituito di catene semplici non ramificate di D-glucosio legate tra loro con legami α (1 → 4), e l’amilopectina che è una variante molto ramificata dell’amiloso.

Sia l’amido sia la cellulosa hanno il C1 di ciascuna unità di glucosio Unito attraverso un atomo di ossigeno all’atomo C4 del glucosio successivo.
Il glicogeno è la principale forma in cui i carboidrati vengono immagazzinati negli animali ed è messo in serbo soprattutto nel fegato e nel muscolo. È un polimero ramificato del D-glucosio con legame α (1 → 4) e in corrispondenza delle ramificazioni presenta legami α (1 → 6), come avviene per l’amilopectina .
Affine alla cellulosa è la chitina, componente degli esoscheletri degli insetti e dei crostacei. È un omopolimero della N-acetil-D-glucosammina; in corrispondenza del C2 del glucosio, un gruppo N acetilamminico sostituisce l’ossidrile.

Hai bisogno di aiuto in Biochimica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove