Ominide 4479 punti

I Disaccaridi

I disaccaridi provengono dall’unione di due monosaccaridi per reazione dell’-OH anomerico dell’uno con un gruppo –OH alcolico dell’ altro; dalla reazione si ha liberazione di una molecola di acqua e formazione di un legame glicosidico. Un disaccaride è quindi, un acetale in cui l’ -OH anomerico è sostituito da un gruppo ‘ OR. Disaccaridi di grande importanza sono: il maltosio (due molecole di a-D-glucosio), derivante dall’idrolisi parziale della molecola di amido ; b) il cellobiosio (due molecole di ~-D-glucosio), ottenuto per parziale idrolisi della cellulosa: c) il lattosio (una molecola di ~-D:galattosio e una di I)-D-glucosio; figura 3.5), componente zuccherino del latte d) il saccarosio (una molecola di a-D-glucosio e una di l3-D•fruttosio), che costituisce lo zucchero di canna e di barbabietola.

I Polisaccaridi

I polisaccaridi sono polimeri ad alta massa molecolare derivati dall’unione di molte unità di monosaccaridi naturali. I carboidrati polimerici di più grande interesse sono l’ amido, il glicogeno e la cellulosa. L’amido è un polimero dell’a-D-glucopiranosio, presente soprattutto nelle patate e nei semi dei cereali e costituisce la riserva di carboidrati tipica delle piante. In esso si distinguono due componenti polimerici: l’ amilosio e t amilopectina. Il polisaccaride di riserva degli organismi animali, normalmente accumulato nel fegato e nei muscoli, è il glicogeno. La sintesi del glicogeno negli organismi animali riduce l’eccesso di glucosio introdotto con il cibo, che viene restituito al sangue quando le cellule dell’organismo ne hanno bisogno.

La cellulosa è sicuramente il più abbondante composto organico esistente sulla r”erra. Il mondo vegetale, infatti, è costituito in gran parte da cellulosa, polimero con funzione strutturale: il 50% circa del legno è cellulosa Le sue lunghe catene lineari sono formate da unità di ~- D-glucosio unite tra loro con legami 1-4-I3-glicosidici. I L’unica differenza chimica tra amido e cellulosa è che nel primo i legami sono a-glicosidici mentre nel secondo sono “-glicosidici. Questa differenza tuttavia, comporta l’impossibilità da parte dell’ organismo umano di digerire la cellulosa poiché esso manca degli enzimi specifici necessari per la sua idrolisi.
I polisaccaridi, oltre alla funzione di sostegno o di riserva energetica, svolgono altri ruoli significativi come, per esempio, quello di fungere da segnali di riconoscimento per un certo tipo di cellule. I polisaccaridi possono infatti legarsi alle proteine della superficie cellulare formando particolari aggregati, le glico-proteine, che si differenziano per il tipo di catena glucidica che li costituisce.

Hai bisogno di aiuto in Biochimica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email