aliat99 di aliat99
Ominide 318 punti

I disaccaridi e polisaccaridi


I disaccaridi: provengono dall'unione di due monosaccaridi. Questi due monosaccaridi compiono la reazione di addizione tra -OH anomerico di uno e -OH alcolico dell'altro liberando una molecola d'acqua e formando attraverso il legame glicosidico un disaccaride dove il gruppo -OH anomerico è sostituito da un gruppo -OR. I disaccaridi che troviamo in natura sono: maltosio (dato dall'idrolisi di una molecola di amido), il cellobosio ( dato dall'drolisi della cellulossa), il lattosio (dato dall'unione di una molecola di galattosio e una di glucosio ed è un componente del latte), il saccarosio (dato dall'unione di una molecola di glucosio ed una molecola di fruttosio).
I polisaccaridi: sono polimeri formati dall'unione di moltissimi monosaccaridi naturali. Basta pemsare alla cellulosa che contiene più di 3000 unità. I polisaccaridi più importanti sono l'amido, il glicogeno e la cellulosa.
L'amido è un polimero presente nelle patate, nei cereali ed è la componente di riserva energetica nelle piante. L'amido può essere distinta in due forme, l'amilosio e l'amilopectina. L'amilosio ha una struttura lineare ed è data da''unione di 300 molecole di glucosio. L'amilopectina, invece, ha una struttura ramificata.
Il glicogeno è, invece, la componente di riserva energetica negli organismi animali e viene accumulata prevalentemente nei musocli e nel fegato. Il glicogeno ha una massa molto grande, formato dall'unione di almeno 100000 molecole di glucosio ed ha una struttura molto ramificata.
La cellulosa è il composto organico più diffuso sulla Terra, infatti, è presente in tutte le vegetazioni. E' formata da 500000 unità dove sono presenti i legami β glicosidici. La cellulosa non è presente nel organismo umano poichè quest'ultima non contiene enzimi specifici in grado di idrolizzare i legami β-glicosidici e quindi non riesce a digerirlo al contrario dei ruminanti che contengono rumini in grado di formare enzimi specifici per la degradazione della cellulosa.
I polisaccaridi, oltre alla funzione di riserva energetica, possono avere anche funzioni di segnali di riconoscimento di alcune cellule.
Hai bisogno di aiuto in Biochimica?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email