Tutor 39542 punti

trama del film Guardie e ladri

Trama del film Guardie e ladri

Guardie e ladri è un film che è stato diretto nell'anno 1951 dall'importante regista Mario Monicelli e da Steno. E' uno dei film più importanti della collaborazione cinematografica tra i due registi e nel suo cast comprende attori di grande importanza per il cinema italiano, come Totò e Aldo Fabrizi. Il film è ambientato a Roma nel periodo del secondo dopoguerra ed il suo protagonista si chiama Ferdinando Esposito, truffatore che ha quale obiettivo quello di mantenere la propria famiglia con dei metodi non proprio ortodossi. Nei suoi piani è coinvolto anche Amilcare, il suo complice. Con lui un giorno cerca di truffare un turista americano, Mr. Locuzzo, facendogli credere di avere trovato un'antica moneta nel foro romano. Per loro sfortuna però Mr. Locuzzo fa parte di un Comitato di beneficenza, di cui è il presidente.

Quest'ultimo, mentre sta distribuendo dei pacchi-dono, si rende conto della presenza di Ferdinando Esposito e, riconoscendolo, lo denuncia.

Evoluzione della vicenda

Il brigadiere Lorenzo Bottoni riesce ad incastrarlo, ma Esposito poi riesce a ingannarlo e a fuggire. Per questo motivo Bottoni viene sospeso dal servizio a causa delle proteste di Mr Locuzzo ed entro tre mesi deve riuscire a catturare il ladro, altrimenti rischia di perdere il suo posto d'agente. Vestendosi in borghese, Bottoni coinvolgendo anche la sua famiglia, decide di andare alla caccia del ladro, introducendosi nella famiglia di questo e cercando di conquistare la fiducia dei componenti dando loro doni e viveri. In realtà  di Esposito non vi è nessuna traccia da alcuna parte; nel frattempo tra la famiglia del Bottoni e quella del ladro si approfondisce la conoscenza e tra il giovane cognato dell'Esposito e la figlia dell'agente di polizia nasce una vera e propria simpatia.
L'occasione per l'approfondimento della conoscenza tra le due famiglie si crea nel momento in cui si tiene il pranzo tenuto dai due ragazzi per far conoscere le due famiglie: si presume che vi sarà anche l'Esposito. Questi infatti partecipa al pranzo ignaro della presenza del brigadiere.
In quest'occasione il brigadiere Bottoni lo fa arrestare: Esposito a questo punto lo incolpa di avere tradito la sua fiducia, coinvolgendo anche il suo nucleo familiare; il Bottoni nel medesimo istante gli racconta il suo dramma. I due iniziano ad avere un certo feeling, dato che sono accomunati entrambi da situazioni di vita non semplici. A questo punto Esposito si farà  portare di sua spontanea volontà  in prigione, nonostante il brigadiere inizi ad essere un po' restio dal portare avanti questa contromossa. Ingannando le due famiglie, l'Esposito e il Bottoni se ne vanno nel corso del pranzo, facendo credere ai loro parenti che l'Esposito debba partire per un viaggio d'affari, venendo accompagnato dal brigadiere alla stazione. Durante l'assenza dell'uomo, sarà infatti il brigadiere a badare alla famiglia Esposito.

Hai bisogno di aiuto in Cinema?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email