Ominide 643 punti

L'Accademia dell'Arcadia nasce nel 1690, fine del periodo Barocco.

Un anno prima, nel 1689 muore la regina Cristina di Svezia, all'età di 6 anni e Gustavo II sale al trono. La regina è una ragazza che non riesce ad adeguarsi alla vita di corte. i trasferisce a Roma e va a vivere a Palazzo Corsini dove creerà una piccola corte in cui accoglie tutti gli intellettuali della Roma del tempo. Dopo la sua morte tutti questi uome di letteratura, fin quando non troveranno dei locali annessi ad una chiesa, chiamata Sanini colti non sanno più dove riunirsi per confrontarsi e parlarPietro in Montorio, a Trastevere.

Durante una delle riunioni, un intellettuale disse di aver ricreato il clima dell'Arcadia, mitica regione della Grecia classica, cantata poi da Teocrito, Virgilio.

Ognuno di loro all'interno di questa accademia assume un nome fittizio e solitamente venivano scelti nomi di pastori tratti dalle opere di Virgilio. Il luogo di riunione verrà soprannominato Bosco Parrasio.

La zampogna dei pastori diventa il loro simbolo e il loro protettore è Gesù Bambino.

In altre parti dell'Italia nascono diverse accademie che si chiameranno 'colonie'.

Gli arcadi scrivono poesie in occasioni di nozze, battesimi, monacazioni, funerali che ebbero grande successo poiché considerate innovazioni, ma solo per un piccolo lasso di tempo.

Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove