Genius 24327 punti

Nel brano seguente, tratto dalle Intercoenales di Leon Battista Alberti (scritte in latino, ma qui proposte in traduzione italiana), il viaggio in un immaginario regno dei sogni smaschera vizi e difetti umani. L’invenzione è di grande originalità, e non a caso sarà ripresa e resa famosa da Ludovico Ariosto nell’Orlando furioso, nel celebre episodio del viaggio di Astolfo sulla Luna

La dissacrazione dei valori umanistici

Questo dialogo fantastico, raccolto nel IV libro delle Intercoenales, si svolge tra due personaggi ricorrenti nelle prose di Alberti: Libripeta (“cercatore di libri”, satira dell’intellettuale umanista fanatico di una cultura tutta libresca) e Lepido (“scherzoso”,controfigura ironica e dissacrante dell’autore stesso). Libripeta narra a Lepido di una sconcertante discesa nel «paese dei sogni», che si presenta in realtà come un paesaggio infernale, dove tra le altre sorprendenti visioni egli ha conosciuto la valle in cui si depositano «le cose smarrite» degli uomini. Ne deriva un catalogo tutto giocato sulla dissacrazione dei valori umanistici (le lettere, i benefici ricevuti dai sovrani, gli amori, la fama),che si rivelano vani e stupidamente ricercati dagli uomini, alla cui esistenza terrena resta soltanto la pazzia. Essa sola manca nel regno dei beni vani e perduti, proprio perché continua ad abitare la terra degli uomini. Ma nel finale del brano emerge anche una più originale intuizione: dal regno dei sogni è esclusa la pazzia perché il sogno è in verità antitetico ad essa, proprio in quanto consente di fuggire dalla realtà, che è invece il luogo della pazzia.
Anche in questo brano si vede come Alberti sia capace di intuire e anticipare temi centrali della cultura rinascimentale, nella quale le riflessioni sul sogno e sulla follia avranno largo spazio, fino a culminare nel famoso canto dell’Orlando furioso (XXXIV) in cui Ariosto descrive il viaggio di Astolfo sulla Luna, ricalcando per molti aspetti questo testo delle Intercoenales.
Hai bisogno di aiuto in Autori e Opere?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email