Erectus 2101 punti

Il Secretum rappresenta la più importante opera in prosa scritta da Petrarca.
Questa è frutto della crisi spirituale che vive nei suoi ultimi anni di vita. Fu composto nel 1347 come opera autobiografica non destinata alla pubblicazione. Infatti a differenza dell'epistolario egli non costituisce una propria figura pubblica ideale.
Il Secretum È strutturato come un dialogo tra il poeta e Sant'Agostino. A questo dialogo assiste la verità in qualità di muta testimone. Questo dialogo dura tre giorni e questi sono rispettivamente divisi in tre libri. Nel primo libro Sant'Agostino fa riflettere Petrarca sul suo attaccamento ai beni terreni e sul fatto che si siano la causa della sua insoddisfazione.
Nel secondo libro viene analizzato il comportamento del poeta secondo i peccati che la morale cattolica indica come capitali. Alcuni li riconosce, ma Sant'Agostino mi dimostra che in realtà lui si è macchiato di tutti eccetto l'invidia, di cui il più grave è l'accidia.

Nel terzo libro Sant'Agostino indica Francesco quali siano gli ostacoli che impediscono il riscatto morale: l'amore terreno e la gloria letteraria. Petrarca si difende affermando che entrambi sono elevazione spirituale, ma messo alle sette da Sant'Agostino, ammette di aver torto.
Il dialogo non ha un avere propria conclusione, infatti si conclude in maniera aperta. Petrarca cerca di impegnarsi e cambiare realmente la propria vita. Qui si manifesta un conflitto interno nell'animo del poeta che non riesce a trovare la pace interiore. Il ruolo di Sant'Agostino nell'opera è una "voce"all'interno della mente del poeta in cui questa voce parlata un punto di vista esterno e superiore, nel quale esprime aspetti complementari e contraddittori del poeta, senza giungere però a una conclusione accettata da ambe le parti.
Accidia- odierna depressione\pigrizia dell'animo.

Hai bisogno di aiuto in Petrarca?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email