Eliminato 896 punti

Totò Merumeni

Totò Merumeni, che significa “il punitore di sé stesso”, è uno dei testi scritti da Guido Gozzano. Il testo descrive gli esteti o meglio è una presa in giro degli esteti. Il personaggio è un anti-eroe, lettore del filosofo tedesco Nietzche, ma ben lontano dall’essere un superuomo. Il fallimento diventa cosi simbolo di una vita che non ha mantenuto le promesse e che non può essere vissuta, perciò la scelta di vita cade sull’isolamento, sull’esilio nella vita. Egli non può più provare sentimenti e sensazioni vitali; lui trova rifugio e consolazione solo nella riflessione e soprattutto nell’attività poetica. Sul piano lessicale la poetica di Gozzano è caratterizzata dall'uso di un linguaggio aulico e talvolta di un linguaggio inferiore. Interessante ricordare che si parla di una diciottenne cuoca (amante di Totò). Al declino poetico si accompagna quello fisico delle persone (capelli bianchi). L’ambientazione non è reale, ma è letteraria, inoltre questo brano è una vera e propria parodia del dannunzianesimo; Totò significa Antonio e Merumeni deriva dal greco e significa “tormentatore”.

Totò ha 25 anni, vive con la madre inferma, una prozia vecchia e uno zio scemo; è un ragazzo che si sente superiore a tutti perché ha studiato molto, perciò guarda tutti con ribrezzo e si sente figlio del decadentismo.
Nei versi 25-26 c’è un chiasmo, ovvero disporre in modo incrociato le parti di due proposizioni; al verso 30 c’è la prima presa in giro vero D’Annunzio: “È il buono che divideva il Nietzsche” che in realtà vuol dire “è buono perché sa di non poter essere forte”; dal verso 33 in poi c’è la seconda presa in giro, infatti, al verso 39 si parla di attrici e principesse facendo riferimento alla Duse e a Maria Harduin.
Il fatto di non provare sentimenti, di fare ragionamenti che non portano a nulla, facendo di Totò ciò che le fiamme fanno di un edificio, ovvero lo bruciano; però lui non è morto del tutto, qualcosa ancora scrive, alterna le sue scritture con la riflessione.
L’ultimo verso del brano ha due interpretazioni: la prima non molto forte che afferma come un giorno di vita è noto e un giorno di vita morirà, la seconda è più forte e descrive come Totò un giorno è nato perché qualcuno l’ha messo al mondo, e un giorno morirà, dato che la vita è inutile.

Hai bisogno di aiuto in Autori e Opere 800 900?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email