Ominide 218 punti

Guido Gozzano


Nato a Torino nel 1883 da una famiglia della ricca borghesia cittadina, Guido Gozzano trascorre gran parte dell’infanzia nel paese di Agliè, tra le colline del Canavese, in una villa dei genitori detta ”II Meleto” (oggi divenuta casa-museo). Dopo il liceo si iscrive alla facoltà di Giurisprudenza ma non termina gli studi poiché preferisce dedicarsi alla composizione di poesie e frequentare i corsi di letteratura italiana di Arturo Graf.
Le sue prime Iiriche risentono della Iezione del Simbolismo francese e del Decadentismo italiano di Gabriele D’Annunzio. Di quest’ultimo, in un primo tempo, cerca di imitare anche il comportamento da intellettuale mondano, salvo poi dissacrarlo nella sua produzione poetica successiva (in particolare nel poemetto Totò Merumeni). Le poesie di Gozzano, nella maggior parte dei casi, sono ascrivibili alla corrente letteraria denominata Crepuscolarismo, caratterizzata dalla trattazione di temi umili e banali, da uno stile dimesso dai toni colloquiali e dall'andamento narrativo di molti componimenti. Talvolta i suoi testi condividono con quelli degli altri poeti crepuscolari il gusto per il ricordo pieno di nostalgia e per Ie atmosfere tristi o malinconiche, dall’altro canto si distinguono per Ia presenza in essi di una forte componente ironica e autoironica. In sostanza all’eroe dannunziano dalla 'vita inimitabile" Gozzano contrappone se stesso come antì-eroe un po’ snob e pieno di ambizioni, ma incapace di realizzarsi pienamente o semplicemente di affrontare la vita con il piglio sicuro dei vincenti. Negli anni 1912-13 Gozzano compie un viaggio in India nel tentativo di guarire dalla tisi a contatto con climi tropicalI: di tale viaggio scrive un resoconto per il quotidiano ”La Stampa" che dopo Ia sua morte sarà pubblicato nel libro intitolato Verso Ia cuna del mondo (1917).Tornato a Torino é ancora più provato dalla malattia, a causa della quale muore nel 1916. Tra le sue raccolte poetiche più importanti vi sono La via del rifugio (1907) e soprattutto l colloqui (1911).
Hai bisogno di aiuto in Autori e Opere 800 900?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email