Ominide 382 punti

L'ermetismo

Si indica un insieme di esperienze poetiche, letterarie tra le due grandi guerre. Esso inizia con Ungaretti, egli però non è un autore ermetico, ma è un "lirico nuovo" (assieme a Montale) perché L'ermetismo si sviluppa cronologicamente negli anni Trenta; è vero però che Ungaretti nella sua prima raccolta "L'Allegria dei Naufragi" è effettivamente un ermetico. Salvatore Quasimodo, Alfonso Gatto e Mario Luzi invece sono autori ermetici. Il termine "ermetismo" è stato usato da Francesco Flora nel 1936 per dare l'idea di una poesia oscura, volutamente difficile e complessa; vi sono altre due etimologie di questo termine, una rimanda al dio del mistero Ermes, l'altra rimanda ad un certo Ermete Trismegisto, autore ellenistico che scrisse opere di natura misterica-spirituale.

Nell'ermetismo quindi la poetica diventa, oltre che simbolica, anche misterica poiché in esso vi è anche l'essenzialità del discorso, come nel futurismo. Attraverso questa parola 'nuda e scarna' il poeta ermetico comunica la desolazione ed il pessimismo del vivere.

Hai bisogno di aiuto in Contesto Storico 900?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017