Jexina di Jexina
Ominide 16 punti

LA COSCIENZA DI ZENO


TRAMA
(8 capitoli)

I. prefazione: lo psicoanalista S. ha in cura Zeno gli dice di scrivere un diario che descriva le sue memorie e siccome ha interrotto le sue seduto lo ha pubblicato x vendetta.
II. preambolo: Zeno spiega che gli è difficile vedere la sua infanzia xk ogni volta cade in un sogno.
III. Il fumo: fin da ragazzino fuma x imitare il padre che ama e odia. Nonostante prova a smettere diventa poi per lui l’alibi delle sue nevrotiche incertezze o malattie.
IV. La morte di mio padre: tema freudiano dell’adolescente che deve liberarsi della figura paterna x maturare. Prima di morire ha un movimento dell’agonia che a Zeno sembra uno schiaffo e per ciò avrà i sensi di colpa e esagera nella sua condizione di orfano (ha 30 anni)

V. la storia del mio matrimonio: Conosce Malfenti perché è alla ricerca di una figura paterna, ha 4 figlie e Zeno decide di innamorarsi di una di loro. Vorrebbe Ada che però sta con Guido (x questo diviene rivale) essendo respinto anche da Alberta si mette con Augusta. Durante una seduta spiritica vuole dichiarare l’amore a Ada ma sbaglia e lo fa Augusta sintomo di un incoscio che vuole una moglie-madre.
VI. La moglie e l’amante: scegliendo augusta è lo stesso felice ma ha un amante anche se è felice con la moglie. All’inizio si presenta xk vuole aiutarla negli studi, popi comincia la relazione, ha sensi di colpa e lei lo lascia non casualmente.
VII. Storia di un associazione commerciale: Guido x diventare un uomo d’affari tenta operazioni impossibili e gioca in borsa e per questo perde molti soldi, x convincere Ada a dargliene altri inventa un finto suicidio ma poi muore davvero. Zeno rimette in sesto le finanze di Ada. Al funerale di Guido lui sbaglia e Ada non lo perdona perché dice che è segno dell’amore che prova x lei e della rivalità x guido. Parte poi x l’america
VIII. Psico-analisi: dopo molti anni Zeno finisce la terapia e continua a tenere un diario dove scrive le proprie vicende e le menzogne dette al dottor .S. scoppia la 1 guerra mondiale è diviso dai suoi parenti, a Trieste .


SPIEGAZIONE


pubblicazione.


viene pubblicato nel 1923. All’inizio fu inosservato ma su consiglio di Joyce spedisce il romanzo a dei critici francesi che lo divulgano e successivamente diventa molto noto.
descrive Zeno come un uomo che potrebbe evitare la lotta per a vita ma ne vuole partecipare.
Zeno: un uomo malato in un mondo malato
Parte dalla malattia, Zeno quindi intraprende una cura psicoanalitica che consiste nel portare alla luce gli atti della sua vita e perciò scrive un diario privato che sarà poi pubblicato per vendetta dal medico. Curandosi capisce di essere veramente malato (non riesce mai a smettere di fumare, non ha finito gli studi, non ha mai lavorato seriamente, il suo matrimonio è stato deciso da altri, dice di amare la mogli ma ha una relazione con Carla, è malato anche fisicamente (zoppica anche) e cerca figure “sane” che gli diano sicurezza.
C’è un contrasto tra normalità e malattia e a soccombere adesso sono i normali. Zeno si salva per l’evento della 1 guerra mondiale che gli fa capire che non è lui a essere malato ma è la vita stessa ad essere inquinata dalle radici. I sani che sono inseriti nella vita sono in realtà gli ottusi e i malati. (Ada che secondo lui soffre del morbo di Basedow cioè spreco di energia vitale) Zeno invece sorride di tutto e di tutti e di se stesso.

Il ruolo della psicoanalisi


Il narratore è interno perché è zeno che racconta la sua storia spinto dallo psicanalista. Entra quindi la psicoanalisi nella narrativa con uno dei suoi temi quello degli atti mancati di Freud cioè il laptus (Zeno segue il funerale sbagliato di Guido simbolo del rivale). un altro tema è il complesso Edipo cioè il rapporto conflittuale tra padre saggio e figlio inetto. Zeno è circondato da figure paterne (padre, suocero, dottore, l’amministratore) e si trova sempre in conflitto con loro. Si prenderà pero poi la rivincita su coloro che lo hanno stimato poco. Vuole smascherare le falsità del mondo borghese.

la sua ambiguità


Zeno è un malato che convive con la sua malattia. Ed è molto ambiguo e fa spesso contraddizioni. Ama il suo stato di malato, si dice poi guarito dal dottor S. anche se non crede nella psicoanalisi ed infatti dice che è stata l’attività pratica nel successo negli affari a guarirlo. Sposa chi nonn vorrebbe ma poi sarà felice dirà di amarla anche se avrà un amante. Odierà suo cognato ma lo aiuta negli affari dirà sempre di voler smettere di fumare ma fumerà sempre l’ultima sigaretta.
Rimane però un inetto perché con la psicoanalisi ha imparato a guardarsi dentro e capire che è difficile conoscere l’universo umano dei sentimenti e della volontà, conosce le menzogne della società borghese e che ha sempre agito x motivi irrazionali e inconoscibili.
è il testimone della crisi di certezze della società che non riusciva a capire la realtà e se stessi tanto che c’è una conclusione apocalittica con lo scoppio della guerra quindi un finale violento che testimonia il fatto che la fine è dietro l’angolo.

La sperimentazione narrativa


Parte da un diario in prima persona ma La narrazione è inattendibile e ambigua perché manca la presadi distanza dell’autore, tutto è sotto il punto di vista soggettivo di Zeno quindi non possiamo sapere se lui dica la verità (se è vero che è sano in un mondo di malati). La narrazione è soggettiva, viene usata la tecnica in fieri cioè che l’opera prende forma mano a mano. C’è lo Zeno di oggi che scrive e lo Zeno di ieri nel ricordo. Zeno racconta e giudica allo stesso tempo il suo vissuto e da qui nasce l’ironia di Zeno.
La narrazione non è lineare ma con il suo stile parlato ci sono moltissime interferenze, i ricordi affiorano il modo caotico (tempo misto di Svevo.) chi legge deve ricostruire la sequenza cronologica al di là di come riaffiora nella coscienza di Zeno. Nonostante tutto le situazioni si collegano nel sibro e la narrazione è coerente. Svevo qui è consegnato alla stagione sperimentale del grande romanzo europeo.

Hai bisogno di aiuto in Autori e Opere 900?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email